Peste suina sui Colli e nella Bassa padovana. «Ora misure immediate. I cinghiali possono diffonderla»

Peste suina sui Colli e nella Bassa padovana. «Ora misure immediate. I cinghiali possono diffonderla»
Il Mattino di Padova INTERNO

ACCEDI Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento Tutti i contenuti del sito 1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Si teme che la presenza nell’area del Parco Colli di almeno 10 mila cinghiali possa favorire il diffondersi della peste suina africana, con effetti catastrofici per i circa 2.

Sei già registrato o abbonato?

000 allevamenti di suini presenti nella provincia di Padova, 320 dei quali di grosse dimensioni con circa 105 mila capi allevati ogni anno, per una produzione di carne che nel 2020 è stata stimata in oltre 24 mila tonnellate. (Il Mattino di Padova)

Su altre testate

—. . 2 Articoli rimanenti Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Sei già abbonato? Accedi Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito (La Provincia Pavese)

2 Articoli rimanenti Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Sei già abbonato? Sono necessarie poi iniziative comuni a livello europeo, perché dalla fragilità dei confini naturali del Paese dipende l’elevato rischio di un afflusso non controllato di esemplare portatori di peste». (La Provincia Pavese)

Si tratta della peste suina africana. Reggio Emilia. Antenore Cervi. Cia Reggio Emilia. peste suina. cinghiali morti (Reggionline)

Peste suina africana, trema la filiera: primi stop all'export di salumi Made in Italy

“È importante la tempestiva adozione del provvedimento che consente alle attività produttive di continuare a lavorare in sicurezza, fornendo rassicurazioni in merito alle esportazioni”. (newsbiella.it)

Nella zona stabilita sono vietate le attività venatorie, la raccolta dei funghi e tartufi, la pesca, il trekking, il mountain bike e le altre attività di interazione diretta o indiretta coi cinghiali infetti. (TUTTOBICIWEB.it)

In ballo esportazioni, secondo stime Cia-Agricoltori Italiani, che si attestano su 1,7 miliardi di euro (+12,2% vs. Nell'area stop anche a trekking, mountain bike e alle 'attività di interazione diretta o indiretta con i cinghiali infetti. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr