Abolizione della censura cinematografica: Intervista a Carlo Romeo e Giancarlo Dotto (7.04.2021)

Abolizione della censura cinematografica: Intervista a Carlo Romeo e Giancarlo Dotto (7.04.2021)
Radio Radicale CULTURA E SPETTACOLO

Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere.

Termina. Puoi selezionare il secondo in cui puoi far terminare il contenuto che vuoi condividere.

Posiziona il player nel punto in cui vuoi terminare la selezione e poi premi la spunta di Termina.

Il sistema calcolerà l'istante esatto e aggiornerà i link da condividere con la tua scelta

Posiziona il player nel punto in cui vuoi avviare la selezione e poi premi la spunta di Inizia. (Radio Radicale)

Se ne è parlato anche su altri media

Con più malizia verrebbe da dire: è facile abolire la censura quando il cinema è morto. Basti pensare al fenomeno del binge watching a quel senso di dipendenza e di vuoto che trasmette la visione continuata di ore e ore di serie tv. (Il Dubbio)

È stato nel secondo dopoguerra che la censura cinematografica, sulla base di una legislazione potenziata dal regime fascista, mise nel mirino ogni opera non convenzionale, dai capolavori ai film di modesta levatura. (tgvercelli.it)

“Abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva ancora allo Stato di intervenire sulla libertà degli artisti“, così il Ministro della cultura, Dario Franceschini che ha firmato il decreto che istituisce la Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura con il compito di verificare la corretta classificazione delle opere cinematografiche da parte degli operatori. (VoceControCorrente.it)

Abolita in Italia e definitivamente la censura cinematografica

Abolita la Censura Cinematografica. Un intervento ai sensi della Legge Cinema che introduce il sistema di classificazione e supera definitivamente la possibilità di censurare le opere cinematografiche. (lentepubblica.it)

Da Ultimo tango a Parigi a Salò di Pier Paolo Pasolini. Tra i più celebri film censurati, Ultimo Tango a Parigi (1972) di Bernardo Bertolucci, con Marlon Brando e Maria Schneider, è stato bloccato fino al 1987 per le numerose scene erotiche che all’epoca suscitarono un forte impatto emotivo e vennero giudicate scandalose. (L'agone)

“Abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva ancora allo Stato di intervenire sulla libertà degli artisti”, così il Ministro della cultura, Dario Franceschini che ha firmato il decreto che istituisce la Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche presso la Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura con il compito di verificare la corretta classificazione delle opere cinematografiche da parte degli operatori. (FIRSTonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr