Alimentazione, nutrimento e leggerezza per la colazione dello sportivo: ecco il vademecum

Alimentazione, nutrimento e leggerezza per la colazione dello sportivo: ecco il vademecum
Il Mattino SALUTE

Un vero e proprio vademecum che offre agli sportivi una dieta sana che inizia dalla colazione.

Come sottolinea Giampietro: «La prima colazione dello sportivo, così come quella della popolazione generale, dovrebbe essere la più completa possibile.

Nutrimento e leggerezza sono le parole d'ordine che devono caratterizzare la colazione ideale di chi pratica sport.

Inoltre, anche la frutta fresca e lo yogurt, a colazione, forniscono buone quantità di liquidi

In generale, la prima colazione dello sportivo deve coprire il 20-25% dell'energia totale giornaliera ed è fondamentale che sia strutturata condizionando la scelta degli alimenti in base all'orario di allenamento o gara. (Il Mattino)

Se ne è parlato anche su altri giornali

I benefici del cioccolato fondente. Pubblicità Pubblicità. Il cioccolato fondente offre diversi benefici, essendo ricco di flavonoidi, sostanze note per le loro proprietà antiossidanti. Forse non tutti sanno che, tra i cibi dolci, ne esiste uno che fa dimagrire: il cioccolato fondente. (Donnaweb)

Riccardi ha notato che mangiare dovrebbe essere piacevole per motivare le persone sane a fare cambiamenti a lungo termine I legumi (fino a quattro porzioni di 180 g a settimana) sono il sostituto proteico raccomandato per la carne rossa. (PharmaStar)

Vantaggi e svantaggi. La genetta può mangiare la banana? La genetta può mangiare la banana? (www.amoreaquattrozampe.it)

App per il conteggio delle calorie e influenze sul comportamento alimentare

Potrebbe interessarti anche: Il gatto può mangiare le cozze? In questo articolo scopriremo se il gatto può mangiare il calamaro, e quali sono gli eventuali benefici e rischi legati al consumo di questo mollusco. (www.amoreaquattrozampe.it)

"Un errore che abbiamo fatto in passato è stato quello di considerare un componente della dieta il nemico e l'unica cosa che dovevamo cambiare. Invece, dobbiamo guardare alle diete nel loro insieme e se riduciamo la quantità di un alimento, è importante scegliere un sostituto sano. (PharmaStar)

Come anticipato, sono pochissime le ricerche sulla relazione tra l’utilizzo delle app e lo sviluppo di disturbi dell’alimentazione Il tentativo di limitare l’alimentazione, indipendentemente o meno dal fatto che si crei un deficit calorico, è definito “restrizione dietetica cognitiva”, mentre il ridotto apporto calorico giornaliero (in senso fisiologico) è definito “restrizione dietetica calorica” (Dalle Grave, Calugi e Sartirana, 2018). (State of Mind)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr