Vacanza da incubo a Bormio

Vacanza da incubo a Bormio
L'Unione Sarda.it INTERNO

Per tutti un antibiotico, poiché il timore era che si trattasse di legionella, i tamponi Covid sono risultati negativi.

"Abbiamo disposto il test delle acque, ci vorranno dieci giorni per conoscere i risultati - fanno sapere dall'Ats - ma pensiamo sia improbabile si tratti di legionella, visto che i gruppi che sono stati nella struttura in precedenza non hanno avuto problemi.

L'Ats della Montagna, che si è subito attivata, ha escluso l'intossicazione alimentare, dal momento che i pasti erano cucinati dalle mamme dei ragazzi, che si occupavano anche della spesa. (L'Unione Sarda.it)

Ne parlano anche altri giornali

Una volta giunti a casa alcuni dei ragazzi si sono presentati spontaneamente agli Spedali Civili di Brescia. Come ogni anno la cronaca è purtroppo piena di incidenti che accadono sul nostro litorale italiano, da Nord a Sud. (Fidelity Donna)

Che cosa sia successo per ora ancora non è dato a sapere I sintomi hanno costretto i ragazzi a recarsi al pronto soccorso degli Spedali civili di Brescia una volta tornati a casa. (ilGiornale.it)

Come stanno i cento giovani intossicati nel centro estivo di Bormio Non sono ancora tutti completamente guariti i cento ragazzi intossicati mentre si trovavano nel campo estivo di Bormio, in provincia di Sondrio. (Fanpage.it)

Febbre e tosse alta per un centinaio di turisti a Bormio, ma la causa è

Il gruppo bresciano, proveniente dal quartiere Violino, è arrivato a Bormio (Sondrio) il 23 luglio per una settimana di vacanza. Sono le vacanze da incubo vissute da due comitive, il gruppo estivo di una parrocchia di Brescia e i turisti di una parrocchia della provincia di Siena, in Valtellina. (La Stampa)

Cento giovani in ospedale dopo un campo estivo a Bormio: l’ipotesi legionella Cento ragazzi si sono sentiti male durante un campo estivo a Bormio, in Alta Valtellina: hanno riportato febbre alta, vomito e tosse. (Fanpage.it)

Quando sono tornati a Brescia, qualcuno si è presentato al pronto soccorso degli ospedali civili ma non c'è stato nessun ricovero. Una serie di malesseri apparentemente inspiegabili, con febbre alta e tosse, ha colpito un centinaio tra ragazzi e adulti bresciani che la settimana scorsa avevano preso in gestione una struttura alberghiera a Bormio, in provincia di Sondrio. (Gazzetta del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr