Come controllare se sullo smartphone è presente lo spyware Pegasus

Come controllare se sullo smartphone è presente lo spyware Pegasus
IlSoftware.it ESTERI

Nello studio si legge che ci sono molteplici modi per installare Pegasus sugli smartphone delle vittime designate: su iOS, ad esempio, basta cliccare su un link perché lo spyware venga automaticamente caricato sul dispositivo mobile.

Nel caso di iOS, invece, Mobile Verification Toolkit va alla ricerca di tutta una serie di indizi aggiuntivi

Mobile Verification Toolkit va alla ricerca delle tracce di Pegasus eventualmente presenti nei dispositivi con gli autori dell'applicazione che spiegano come il rilevamento sia oggi più semplice su iOS che su Android. (IlSoftware.it)

Se ne è parlato anche su altri media

— Sushant Singh (@SushantSin) July 19, 2021. In India Pegaus è stato usato contro una donna che aveva accusato pubblicamente l’ex capo della corte suprema di avance sessuali Pegasus, un malware venduto da un'azienda israeliana, è stato usato per spiare decine di migliaia di persone in tutto il mondo, inclusi 180 giornalisti. (Lega Nerd)

Tra loro i membri della famiglia reale saudita, 65 dirigenti di azienda, 85 attivisti per i diritti umani, 189 giornalisti e oltre 600 politici e funzionari governativi. Esplode il caso “Pegasus Project” dopo un’inquietante inchiesta sullo spionaggio di smartphone tramite spyware condotta da Amnesty International e Forbidden Stories, un ente giornalistico senza scopo di lucro con sede a Parigi. (MobileWorld)

Ma era almeno da sei anni che le agenzie di intelligence messicane si dedicavano a spiare decine di migliaia di cittadini. Lo scandalo è esploso a metà giugno del 2017. (la Repubblica)

Pegasus, lo Spyware che attacca politici, giornalisti e governi: come funziona e quali difese adottare?

“Tutti gli spyware sono strumenti essenziali per le indagini criminali, ma il loro uso conferisce un potere enorme, capace di destabilizzare uno Stato. L’attacco attraverso Pegasus viene avviato mediante un’esca, ovvero l’intrusione, nel caso degli smartphone, tramite una videochiamata (prevalentemente su WhatsApp) in cui non serve che la vittima risponda. (Cyber Security 360)

“La vicenda è totalmente inaccettabile, se è vera” ha detto commentato la vicenda la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. I Paesi coinvolti, cioè che impiegavano come arma di spionaggio lo spyware Pegasus, sono Ungheria, Azerbaigian, Kazakhstan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, India, Messico, Marocco e Ruanda. (LA NOTIZIA)

Le infezioni del malware Pegasus di NSO costituirebbero solo una parte di una distribuzione più ampia contro i principali attori della società civile in tutto il mondo. Nel listone di Pegasus perfino capi di stato e di governo, membri di famiglie reali arabe e dirigenti d’azienda. (Computer Magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr