Birmania: ancora proteste nonostante la "forza letale" dell'esercito. Oggi paralizzati gli uffici pubblici - PRIMAPRESS.IT

Birmania: ancora proteste nonostante la forza letale dell'esercito. Oggi paralizzati gli uffici pubblici - PRIMAPRESS.IT
Per saperne di più:
PrimaPress ESTERI

Molti uffici pubblici sono paralizzati dalla campagna di disobbedienza civile.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza in varie città sfidando la minaccia dei militari di usare "forza letale" per reprimere le dimostrazioni.

Intanto è salito a 3 il bilancio dei manifestanti rimasti uccisi nel fine settimana, durante il quale una grande folla ha partecipato ai funerali della prima vittima, una ragazza di 21 anni. (PrimaPress)

Su altre testate

Uno sciopero generale che per tre settimane è andato avanti quasi pacificamente ma che nel fine settimana ha visto una escalation di violenza: due persone sono morte per mano della polizia esono rimaste ferite Leggi su tpi (Di lunedì 22 febbraio 2021): duedinelpiùIncontinuano lecontro il colpo di stato che ha portato all’arresto di Aung San Suu Kyi e alla destituzione del governo democraticamente eletto a novembre. (Zazoom Blog)

Tuttavia, le manifestazioni continuano a scuotere le diverse città della nazione, nonostante le costanti minacce da parte dell’esercito e le vittime uccise dai loro colpi di proiettile. La situazione non è cambiata dallo scorso 1 febbraio, data del colpo di Stato per mano dell’esercito. (Yeslife)

L'azzurra nel 2005 dichiarava un reddito imponibile di 131.256 euro, appena superiore ai 130.850 dell'imponibile 2019. Anche lei nel 2012 aveva un imponibile pari a zero (non c'è dichiarazione) mentre nel 2019 sale a 98.471 euro (-25.555 restituzioni). (Yahoo Notizie)

Il Myanmar sfida i Generali. Proteste di massa in tutto il Paese

La crisi birmana rischia ormai non soltanto di contrapporre Washington e Pechino, ma anche di destabilizzare l’intera area. L’esperto tailandese ha anche aggiunto che il Myanmar ha dato ad Asean numerosi grattacapi da quando è entrato nell’Associazione, nel 1997. (L'HuffPost)

Quella che ormai La giunta golpista – ribattezzatasi “Consiglio di Amministrazione dello Stato” – ha accusato i manifestanti di incitamento alla “rivolta e all’anarchia”, affermando che “stanno incitando la gente, in particolare i giovani emotivi e gli adolescenti, a uno scontro con le autorità in cui subiranno la morte”. (Zazoom Blog)

Intanto la leader del partito Lega Nazionale per la Democrazia Aung San Suu Kyi resta agli arresti domiciliari dopo essere stata arrestata dalla giunta militare. Al grido di “democrazia” la gente del Myanmar è scesa di nuovo in piazza, sfidando gli avvertimenti dei militari. (Euronews Italiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr