Vaccinazione insegnanti, seconde dosi anticipate

Vaccinazione insegnanti, seconde dosi anticipate
VicenzaToday INTERNO

Tutti gli insegnanti che hanno ricevuto la prima dose - circa 13 mila nell’ULSS 8 Berica - saranno convocati per il richiamo tramite e-mail o SMS, con l’indicazione del nuovo giorno e orario per la vaccinazione.

Inizierà un po’ prima del previsto, già da sabato 8 maggio anziché dal 24 maggio, la somministrazione delle seconde dosi di vaccino anti-Covid per gli insegnanti.

Secondo le direttive del Ministero della Salute e degli organismi tecnici nazionali ed europei, la seconda dose sarà somministrata con il medesimo vaccino utilizzato per la prima, dunque con il siero di AstraZeneca (VicenzaToday)

Se ne è parlato anche su altri media

Così ieri, domenica 2 maggio, una badante di cinquantanove anni è stata denunciata dai carabinieri del Comando Compagnia di Formia. Si è fatta somministrare il vaccino anti-Covid al posto dell'anziana per cui lavorava. (Fanpage.it)

In regione sono state utilizzate l'88,5% delle forniture, per vaccinare il 24,9% (1217341) della popolazione con la prima dose e l'11% (537531) anche con il richiamo. In Veneto la campagna vaccinale anti Covid-19 è arrivata a contare 1792114 dosi somministrate in totale alle 23.59 del 3 maggio, 39896 delle quali nella giornata di lunedì. (VeronaSera)

Vaccinazioni: Anche a Bagheria nuovi Open day senza prenotazione per gli aventi diritto. Nuovi Open day per specifiche categorie. Il cittadino rimarrà seduto in macchina dove riceverà la dose poi, insieme al personale della struttura, attenderà il tempo necessario richiesto dopo l’inoculazione (www.comune.bagheria.pa.it)

Focus Covid del 4 maggio

Anche in questo caso il completamento dell’offerta della prima dose in favore di questa categoria è fissato al 15.05.2021. Ancora, bisogna puntare al completamento campagna vaccinale degli “estremamente vulnerabili” in carico ai medici di medicina generale. (TarantoBuonaSera.it)

Si sono infettati tre pazienti, tre oss e due infermieri. Solo un’infermiera ha invece avuto bisogno dell’ossigeno, anche se è riuscita a curarsi a casa. (Livesicilia.it)

Dalla visita cardiolgica agli esami diagnostici in ambito ginecologico, tanta gente a basso reddito si rivolge ai dottori che dedicano il loro tempo libero alle visite assicurando assistenza a persone con difficoltà di accesso alle strutture sanitarie (TGS)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr