Bonus Mobili, in arrivo cessione del credito e sconto in fattura

Ediltecnico.it - il quotidiano online per professionisti tecnici ECONOMIA

A quanto pare il Bonus Mobili ed Elettrodomestici presto si aggiungerà a Superbonus, Ecobonus, Bonus Ristrutturazione, Sismabonus e Bonus Facciate per quanto riguarda cessione del credito e sconto in fattura.

Vuoi specifiche su cosa rientra e cosa no nel Bonus Mobili 2021?

> > Qui trovi la GUIDA con TUTTO sul BONUS MOBILI 2021 (Ediltecnico.it - il quotidiano online per professionisti tecnici)

La notizia riportata su altre testate

Questo avviene poche ore dopo averlo approvato. E gettano un’ombra sulle “recenti disposizioni normative che prevedono la cessione dei crediti”. (Guida Finestra)

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici, salvo colpi di scena alla Camera, potrà continuare a godersi nella sola forma della detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi Bonus mobili e grandi elettrodomestici: il vincolo con il bonus ristrutturazione casa. (InvestireOggi.it)

leggi anche Bonus mobili, dietrofront del Senato su cessione credito e sconto in fattura. Superbonus 110%, la cessione del credito è in bilico? La cessione del credito potrebbe essere a rischio anche per il superbonus 110%. (Money.it)

Non solo per i bonus Industria 4.0, ma anche per due ulteriori novità che erano state approvate in Commissione al Senato La cessione del credito d’imposta Industria 4.0 avrebbe consentito all’impresa beneficiaria di recuperare in un’unica soluzione la somma spettante, al pari di quanto previsto per il superbonus. (Informazione Fiscale)

L'emendamento votato dalla Commissone congiunta Bilancio e Finanze del Senato introduce un'importante novità per le detrazioni per la casa, finora preclusa al bonus per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici. (idealista.it/news)

La presidenza del Senato ha infatti valutato "ammissibile" il maxi-emendamento interamente sostitutivo del decreto Sostegni, esclusi due emendamenti dichiarati "improponibili". Il ministro ha però accolto le improponibilità e le riformulazioni della presidenza del Senato su alcuni degli emendamenti approvati. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr