Emanuele muore di Covid a 28 anni nel Salento: "È la nostra vittima più giovane"

Emanuele muore di Covid a 28 anni nel Salento: È la nostra vittima più giovane
La Repubblica INTERNO

Il ragazzo viveva in casa con la madre Maria Concetta.

Aveva solo 28 anni ma il Covid lo ha ucciso in poche settimane.

Stava bene, non aveva particolari problemi di salute, ma il virus non gli ha lasciato scampo.

Il Covid ha contagiato prima la madre e poi Emanuele

Ora il Salento intero piange la vittima più giovane dall’inizio della pandemia.

(La Repubblica)

La notizia riportata su altre testate

I contagi e la chiusura delle chiese. IL CASO Covid, picco di contagi dopo un funerale: il sindaco vieta cortei e. (quotidianodipuglia.it)

Coronavirus, c'è un sospetto contagio da variante indiana nel Salento: due famiglie sottoposte ai test di Antonello Cassano , Cenzio Di Zanni , Francesco Oliva. (ansa). Il caso a Taurisano, ma gli esperti restano cauti: l'ultima parola arriverà dopo il sequenziamento del genoma. (La Repubblica)

"Al momento possiamo soltanto ipotizzare un contagio di questo tipo, visto che le persone positive provenivano da un'area endemica e dunque dobbiamo identificare il ceppo virale per poter avviare l'attività di contact tracing ed evitare possibili contagi secondari", spiega Maria Chironna, docente di igiene all'Università di Bari e coordinatrice dei laboratori pugliesi impegnati nel sequenziamento dei tamponi (Meteo Puglia)

Sospetto Contagio Da Variante Indiana Dopo Viaggio Nel Paese Asiatico: Due Famiglie In Quarantena

Mentre i paesi che hanno un indice più alto di attualmente positivi per mille abitanti sono Porto Cesareo (10,2), Taurisano (12,2), Matino (11,7) e Casarano (9,1). Lecce - Cala il numero dei positivi e scende anche quello dei pazienti ricoverati. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

I comuni con maggiori casi di positivi sono rispettivamente Lecce (209), Casarano (180), Taurisano (142), Matino (132) e Gallipoli (111). Calano i contagi nel Salento: è quanto emerge nel consueto report dell’Asl di Lecce, redatto dal dottor Fabrizio Quarta, direttore U. (LecceSette)

In attesa di conoscerne l’esito rimarranno in quarantena fino a quando non verrà effettuato il secondo tampone previsto tra una decina di giorni Nel frattempo i familiari sono collocati in quarantena in attesa di conoscere l’esito del test. (Corriere Salentino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr