Stellantis, Melfi chiude fino al 10 maggio: mancano i chip

FIRSTonline ECONOMIA

A Melfi Stellantis produce alcuni modelli di punta come la Fiat 500X, Jeep Renegade e Jeep Compass, ma la carenza di chip ha costretto il colosso automobilistico a fermare la produzione, mandando in cassa integrazione oltre 7mila lavoratori.

Con i ricercatori di CEA-Leti in Francia, dell’istituto Fraunhofer in Germania o IMEC in Belgio e Paesi Bassi”,”, ha aggiunto Breton

“Nell’ambito della revisione strategica industriale dell’Unione europea che sarà presentata il 5 maggio, lanceremo un’alleanza europea che riunirà tutti gli attori della catena di produzione dei semiconduttori. (FIRSTonline)

Se ne è parlato anche su altre testate

Si tratta dell’ennesimo ricorso agli ammortizzatori sociali, che stavolta si abbinano alla chiusura totale della produzione tra il 3 e il 10 maggio. Gli stessi sindacati che il 28 aprile, sono stati interessati dalla convocazione per il cosiddetto “esame congiunto” da parte dei vertici di Stellantis, meccanismo utile per la conferma della richiesta di un nuovo periodo di cassa integrazione (Quotidiano del Sud)

Sono infatti circa 7.000 i dipendenti che staranno tutta settimana in cassa integrazione. Anche la carenza di queste parti fondamentali è dovuto purtroppo alla situazione Coronavirus (Cronache TV)

La carenza di semiconduttori, dei microchip prodotti . ivl24_it : Carenza di semiconduttori: la Stellantis di Melfi si ferma per otto giorni - “Stellantis ha annunciato una nuova chiusura totale di tutto lo stabilimento dal 3 al 10 maggio compreso”, ha dichiarato il segretario regionale della Uilm lucana, Marco Lomio. (Zazoom Blog)

nonché dall’assenza di alcuni componenti: la crisi dei semiconduttori che sta investendo tutto il pianeta e il settore dell’automobile in particolare. Fino al 30 maggio nello stabilimento ex fca di Melfi, oggi Stellantis, per circa 7.000 dipendenti si ricorrerà alla cig. (TRM Radiotelevisione del Mezzogiorno)

I semiconduttori sono dei componenti essenziali, dei microchip prodotti per lo più in Cina Una fermata motivata, oltre che dal calo della domanda, soprattutto dalla carenza dei semiconduttori, che sta costringendo le case automibilistiche e le aziende di telefonia di tutto il mondo, a rallentare le produzioni. (ivl24)

In precedenza le attività lavorative erano state fermate dal 2 al 12 aprile, periodo nel quale tutti i 7.000 lavoratori sono stati messi in cassa integrazione La produzione a Melfi è dall’inizio dell’anno che sta procedendo a singhiozzo. (AlVolante)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr