La peste suina africana nei cinghiali: perché la Lombardia teme una pandemia tra gli allevamenti

La peste suina africana nei cinghiali: perché la Lombardia teme una pandemia tra gli allevamenti
varesenews.it INTERNO

FONTI:. – Peste suina africana in Piemonte, Icardi: “Attivate le procedure di emergenza, stiamo agendo con la massima tempestività” – Regione Piemonte – 07 Gennaio 2022. www.regione.piemonte.it/web/temi/sanita/peste-suina-africana-piemonte-icardi-attivate-procedure-emergenza-stiamo-agendo-massima-tempestivita. – La peste suina africana arriva in Germania dove si registrano due focolai

L’opinione pubblica e il dibattito sul cosa fare in presenza di Peste suina africana. (varesenews.it)

Ne parlano anche altri media

La notizia è stata confermata dalla Regione Piemonte, che già aveva preannunciato misure straordinarie per far fronte all’emergenza peste suina africana. Cos’è la peste suina africana e quali rischi ci sono. (inItalia)

Peste suina africana, l’allevatore: “Alzato il livello d’allerta anche in Trentino, virus imprevedibile”. Se il contagio dovesse allargarsi insomma, sottolinea Campostrini, ci sarebbe sicuramente “un impatto sul prezzo della carne” a livello nazionale. (il Dolomiti)

Fermare la caccia è anche un modo per ridurre i movimenti degli animali selvatici Niente caccia nell'intera provincia di Alessandria. (Il Piccolo)

Dopo l'aviaria, ecco la peste suina. Malattia trasmessa anche dai cinghiali

Così Regione Lombardia ha attivato una Unità di crisi che si è riunita con la presenza dell'assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi. Allarme peste suina in Lombardia: Regione attiva una task force Regione Lombardia ha attivato una task force per prevenire i contagi da peste suina. (Fanpage.it)

E’ salito complessivamente a 114 il numero dei Comuni, 78 in Piemonte e 36 in Liguria, compresi dal Ministero della Salute nella ‘zona infetta” da Peste Suina Africana, alla luce dei nuovi casi confermati – al momento sono quattro i cinghiali trovati morti per il virus – e in riferimento alle indicazioni della Commissione Europea. (La Provincia di Biella)

In Piemonte e in Liguria sono stati scoperti i primi focolai di peste suina ed ad essere più in allerta sono i territori in cui sono più presenti animali selvatici come i cinghiali. Coldiretti ravvisa inoltre la necessità di avviare iniziative comuni a livello europeo perché è dalla fragilità dei confini naturali del nostro Paese che dipende l’elevato rischio di un afflusso non controllato di esemplari portatori di peste (VeronaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr