I genitori di Seid: «Non c’entra il razzismo con la sua fine, era il paladino dei diritti ma il suo passato lo ossessionava»

I genitori di Seid: «Non c’entra il razzismo con la sua fine, era il paladino dei diritti ma il suo passato lo ossessionava»
Approfondimenti:
Corriere TV INTERNO

Poi ad un certo punto, complice l’isolamento dovuto al Covid, il passato è tornato e lo ha completamente stravolto.

«Il razzismo non è la motivazione- spiega la signora Visin - Mio figlio aveva cancellato l’Etiopia, era felice qui.

Era ossessionato dal suo passato e non è riuscito più a gestirlo»

Hanno spiegato cosa secondo loro è accaduto a Seid, il perché del gesto estremo e la natura del disagio di cui da qualche tempo soffriva, disagio acuito dall’isolamento per il Covid. (Corriere TV)

Su altre fonti

Dimensioni testo Piccolo. Normale. Grande. Sul povero Seid Visin la sinistra ha speculato già a sufficienza. Una rivelazione deflagrante, che casualmente i media, a eccezione del Secolo d’Italia e di pochi altri, hanno quasi del tutto ignorato. (Nicola Porro)

"E' stato incredibile lavorare con loro, la musica e il calcio uniscono la gente", ha affermato Garrix, presentando 'We are the people' Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

E tra le idee c'è anche quella di intitolargli il nostro campo sportivo, a Sarno, quel terreno dove lui ha giocato tante volte" Lo faremo in sintonia con la sua famiglia, che vogliamo incontrare nei prossimi giorni", spiega Francese. (La Repubblica)

I genitori di Seid, morto a 20 anni: “Depressione da Covid la causa del suo gesto”

Definito così il razzismo, è chiaro che la sinistra sostiene un’ideologia in tutto e per tutto razzista. Questa mentalità della sinistra, per cui un uomo viene giudicato in base non alle sue azioni ma al colore della pelle, ha un nome preciso: si chiama razzismo (Il Primato Nazionale)

Saviano e Lucarelli mai così distanti. Non poteva mancare, tra i commenti al drammatico fatto di cronaca, quello di Roberto Saviano. Non si placano le discussioni, a seguito della tracica morte di Seid Visin, il giovane calciatore, toltosi la vita lo scorso weekend. (La Luce di Maria)

“La causa del gesto estremo di mio figlio Seid si chiama Etiopia, sommata al Covid”. In un’intervista a Tele-Nuova, emittente di Nocera, i genitori si Seid Visin hanno specificato: “Quella lettera era entusiasta di averla scritta e la leggemmo insieme: in quel momento doveva servire a far venire fuori il suo disagio”. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr