Impiccata al patibolo, ma era già morta di infarto

Impiccata al patibolo, ma era già morta di infarto
L'Unione Sarda.it ESTERI

Sette le persone per le quali è stata eseguita la pena di morte e tra queste Zahra.

L'hanno impiccata ma il suo cuore si era già fermato per il terrore: aveva visto l'uccisione di 16 uomini sul patibolo, prima di lei.

La sua storia aveva già destato grande clamore in Iran perché nel corso del processo i media avevano lasciato ampio spazio alle accuse di violenze subite da lei e dai due figli per mano del marito e padre

L'avvocato assicura di avere visto il certificato di morte secondo il quale la donna è morta per arresto cardiaco prima che le venisse messo il cappio al collo. (L'Unione Sarda.it)

Su altre fonti

Zahra prima di salire sul patibolo ha avuto un arresto cardiaco ed è morta. L'avvocato assicura di avere visto il certificato di morte secondo il quale la donna è morta per arresto cardiaco prima che le venisse messo il cappio al collo. (Leggo.it)

La vicenda di Zahra Esmaili aveva provocato clamore in Iran perché aveva affermato di avere ucciso il marito, indicato come un funzionario del ministero dell'Intelligence, in reazione alle sue violenze (Giornale di Sicilia)

In un post pubblicato su Facebook, successivamente cancellato, Omid Moradi ha raccontato che Zahra Esmaili ha avuto un ictus dopo avere assistito all’impiccagione di 16 uomini prima di lei. Zahra Esmaili è stata vittima di violenza domestica e aveva ucciso il marito per legittima difesa (CronacaSocial)

Brutalità in Iran, donna impiccata morta per aver ucciso il marito: aveva visto 16 esecuzioni precedenti

-afp Iran, donna condannata a morte: impiccata nonostante un infarto. Una donna condannata a morte in Iran per l'uccisione del marito è morta d'infarto prima dell'esecuzione per aver visto l'impiccagione di 16 uomini prima di lei. (Notizie - MSN Italia)

Iran: impiccata anche se era già morta 20 febbraio 2021 | Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. (ItaliaStarMagazine)

Il fattaccio è successo nel carcere di Rajei-Shahr, nella città di Karaj, una trentina di chilometri ad ovest di Teheran, in Iran. L’emittente, in tal senso, ha citato l’avvocato della condannata, che ha raccontato che nel certificato di morte viene specificato come il decesso sia motivato proprio dall’arresto cardiaco precedente all’esecuzione (NewSicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr