Da Bruce Willis alla piccola sonda Dart, il piano della Nasa per l'armageddon

Da Bruce Willis alla piccola sonda Dart, il piano della Nasa per l'armageddon
Libertà SCIENZA E TECNOLOGIA

Nei piani della Nasa Dart lo colpirà ad una velocità di 6,6 chilometri al secondo, ovvero 23.760 chilometri l’ora

Mercoledì 24 novembre la Nasa ha lanciato nello spazio la sonda chiamata a salvare il mondo.

Nessuna esplosione in stile “Armageddon”, quindi, ma uno schianto controllato di una piccola sonda di metallo.

Se un asteroide si dovesse trovare in rotta in collisione con la Terra la Nasa si affiderà ad una sonda autonoma e non ad una improbabile squadra di trivellatori capitanata da Bruce Willis (Libertà)

Ne parlano anche altri media

L'esplosivo regista ha commentato (si presume con ironia) con queste parole: "Ve l'avevo detto. La detonazione nei pressi del nucleo andrebbe a scindere in due il meteorite vagante deviandone la traiettoria e salvando il pianeta. (ComingSoon.it)

L'obiettivo di DART è l'asteroide binario near-Earth Didymos, che non rappresenta alcuna minaccia per la Terra”: informa la NASA. USA – La NASA ha lanciato il primo sistema di difesa planetario al mondo. (Oggi Treviso)

Leggi anche > «Dart», la prima missione della Nasa per salvare il mondo: «Devieremo un asteroide». Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Novembre 2021, 21:01 Data la memorabile interpretazione di Willis in 'Armageddon', «Non volevamo perdere quella connessione», ha aggiunto Nelson. (Leggo.it)

Spazio, lanciato Dart il satellite che devierà un asteroide

Tale distanza sarà percorsa dal razzo nell’arco di 11 mesi, per una missione che servirà come prova generale per deviare eventuali asteroidi che, in futuro, potrebbero rivelarsi potenzialmente pericolosi per la Terra. (SuperEva)

Canale Fede e Ragione: asteroidi, la Nasa spiega come sta per colpirne uno con la missione DART. DART è un veicolo spaziale progettato per colpire un asteroide come test tecnologico. (Fede e Ragione)

Il microsatellite LiciaCube è un progetto dell’Asi realizzato interamente negli stabilimenti della società italiana Argotec di Torino ed è il primo satellite costruito nel nostro Paese ad affrontare un viaggio nello spazio profondo. (Livorno Press)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr