Napoli, rissa nel cortile dell'ospedale Pellegrini

Il Messaggero INTERNO

I pronto soccorso della nostra città vanno militarizzati, non c'è alternativa.

Napoli, ospedale Pellegrini.

Un altro episodio di violenza nella struttura sanitaria dove già in passato si sono registrati aggressioni, sparatorie e devastazioni.

E' vero che bisogna recuperare il salvabile ma è necessaria assolutamente anche un minimo di rigida repressione»

Guardie Giurate e Carabinieri che tentano di evitare il peggio. (Il Messaggero)

Se ne è parlato anche su altre testate

Violenza e caos tra le mura ospedaliere. Ancora una volta è stato il Vecchio Pellegrini a diventare bersaglio dell'ennesimo episodio di prevaricazione che ha visto l'invasione di una cinquantina di persone all'interno del presidio della Pignasecca. (ilmattino.it)

“Abbiamo paura di lavorare! Dopo la morte di Salvatore Astuto, il ras delle Case Nuove freddato ieri da circa 20 colpi di pistola in un agguato di camorra, amici e parenti della vittima si sono riversati nel cortile del nosocomio della Pignasecca. (Teleclubitalia.it)

Guardie Giurate e Carabinieri che tentano di evitare il peggio. «Ci è stato inviato un video agghiacciante avvenuto all'interno dell'Ospedale Pellegrini. (ROMA on line)

Il tutto testimoniato in un video diffuso dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, nel quale si vedono le guardie giurate ed i carabinieri che tentano di evitare il peggio cercando anche di far rispettare le norme anticovid. (Tiscali Notizie)

Gli ospedali oramai sono teatro costante di ogni genere di azione criminale e violenta con soggetti spesso legati alla criminalità che addirittura come è successo in passato sparano nei pronto soccorso o li devastano proprio come è già successo al Pellegrini. (Salernonotizie.it)

Militari nei pronto soccorso della nostra città, non c’è alternativa”, ha aggiunto ancora Borrelli, “La situazione è palesemente fuori controllo. Nessun ferito a parte le tante urla che hanno catturato l’attenzione di tutti i presenti. (Internapoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr