M5S: telefonata fra Conte e Di Battista. Ma resta ancora in stand-by la candidatura

M5S: telefonata fra Conte e Di Battista. Ma resta ancora in stand-by la candidatura
L'HuffPost INTERNO

Ma nulla al momento sarebbe stato deciso su un eventuale ritorno di Di Battista.

Di Battista avrebbe chiesto a Conte delle garanzie politiche per tornare in campo.

Sul tavolo delle trattative, l'eventuale candidatura dell'ex deputato e membro del direttorio M5S, tra i volti più amati del Movimento della prima ora.

Si sarebbe svolta nel pomeriggio di ieri una telefonata tra il leader del M5S Giuseppe Conte e Alessandro Di Battista, la prima dopo settimane di silenzio. (L'HuffPost)

Ne parlano anche altre testate

L'ex pupillo di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio non è visto da tutti di buon occhio: "Tirerà elettoralmente, ma ci mettiamo un guaio in casa per 5 anni", il timore che rimbalza. (La Sicilia)

Con Alessandro Di Battista "ci siamo sentiti, ora ci risentiremo ancora, c'è una conversazione franca e sincera e scioglieremo la riserva" su una sua possibile candidatura nelle file del M5S: "se lui vorrà rientrare. (La Sicilia)

Ieri sera, in un'intervista al Tg5, l'ex premier ha definito Di Battista una "persona seria e generosa", del "suo rientro nel M5S ne discuteremo". A quanto apprende l'Adnkronos, ci sarebbe stata nel pomeriggio di ieri una telefonata -la prima dopo settimane di silenzio- tra il leader del M5S Giuseppe Conte e Alessandro Di Battista. (Adnkronos)

M5S, cavillo giuridico mette a rischio Di Battista

La decisione sulle regole per le candidature arriverà nel pomeriggio, dopo una riunione dei coordinatori regionali del M5s Un principio rimesso in discussione dallo stesso Conte. (Open)

Lo dimostra il rinvio dell'incontro - previsto per oggi - tra il leader dem Letta, il segretario di Sinistra Italia, Nicola Fratoianni e il co-portavoce di Italia Verde, Angelo Bonelli. APPROFONDIMENTI IL PERSONAGGIO Fratoianni, chi è ITALIA Foto IL RETROSCENA Foto IL RETROSCENA Di Maio, Pd tenta il ministro col listone: il «diritto di. (ilmessaggero.it)

E Di Battista si è disiscritto dal M5S subito dopo esserne uscito, in dissenso con la decisione dei vertici pentastellati, validata dalla Rete, di appoggiare il governo Draghi Eppure anche la candidatura di Alessandro Di Battista nelle file del M5S è tremendamente a rischio. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr