Yacht su scogli Porto Cervo, vittima non è morta d'infarto

Yacht su scogli Porto Cervo, vittima non è morta d'infarto
Sky Tg24 INTERNO

È questo l'esito dell'autopsia - anticipato dai quotidiani sardi - eseguita sul corpo della vittima dell'incidente nautico in Costa Smeralda che si è conclusa nella tarda sera di ieri.

La dinamica dell'incidente approfondimento Yacht sugli scogli a Porto Cervo, sono due le persone indagate La verità sulla dinamica dell'incidente che domenica scorsa è costato la vita al manager tedesco con passaporto britannico, potrebbe arrivare dai telefoni e dai tablet delle persone che si trovavano a bordo dei due yacht coinvolti, l’Amore e lo Sweet Dragon. (Sky Tg24 )

Su altri giornali

E ancora, sul posto ai due comandanti è stato effettuato il pre-test per capire se avevano assunto alcol ed è risultato negativo. Le uniche certezze finora sono queste: domenica sera all’imbrunire le due imbarcazioni procedevano su rotte opposte e a un certo punto lo yatch Amore è finito contro gli scogli dell’isola delle Rocche. (SardiniaPost)

Il 63enne è stato ucciso da una grave lesione spinale e un forte trauma toracico come conseguenza di un violento impatto a terra. Nel frattempo la Procura di Tempio Pausania ha disposto ulteriori accertamenti (L'Unione Sarda.it)

E nel momento in cui è transitata la Sweet Dragon stava già procedendo a marcia indietro". Lallone ha invece dichiarato di essere stato costretto a cambiare improvvisamente rotta per non entrare in collisione col Magnum 70, versione che anche i familiari della vittima starebbero sostenendo. (La Sicilia)

Yacht sugli scogli a Porto Cervo, i due comandanti indagati si accusano a vicenda

Scambio di accusare tra i comandanti. Ci vorrà ancora del tempo per capire con precisione cosa si accaduto domenica scorsa nel golfo del Pevero, a Porto Cervo. È questo l'esito dell'autopsia sul corpo dell'imprenditore tedesco Dean Kronsbein , morto nello schianto dello yacht a Porto Cervo nel golfo del Pevero. (ilmessaggero.it)

Lo stesso soggetto e gli altri due occupanti la lussuosa auto, di cui uno famoso per aver partecipato ad un noto talent show, non indossavano la prevista cintura di sicurezza. Gli Agenti delle Volanti di Reggio Calabria, in servizio di controllo del territorio, unitamente al personale della locale Sezione di Polizia Stradale, hanno fermato un’autovettura di lusso, Ferrari California, mentre percorreva l’area pedonale del lungomare Falcomatà, causando non pochi disagi alla circolazione dei passanti. (Corriere di Lamezia)

A prestare i primi soccorsi ai naufraghi, mentre dallo yacht sventrato veniva lanciato il May day alla Capitaneria di porto di Olbia, è stato proprio il motoscafo Sweet Dragon. I difensori dei due comandanti indagati – l’avvocato che rappresenta Lallone è Egidio Caredda – nomineranno medici legali di parte (il medico Francesco Serra sarà il consulente di Cortese) (SardiniaPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr