14 giorni di inferno: ecco cosa vuole il Fisco

ilGiornale.it ECONOMIA

Ci sono poi anche il pagamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali, così come la liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente.

L'agenda è molto ampia, si parla di circa 144 appuntamenti (se si considerano tutte quante le tipologie di contribuenti) compressi in soli 14 giorni, dal 16 al 30 giugno.

16 giugno. Inizia da oggi la lunga lista di appuntamenti che gli italiani dovranno rispettare. (ilGiornale.it)

Su altre fonti

Dopo aver sentito e condiviso il parere espresso dal Ministero dello sviluppo economico, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che, in assenza di una specifica previsione normativa, la mancata o tardiva trasmissione della comunicazione all’Enea non implica, comunque, la perdita del diritto alle detrazioni L'Agenzia delle entrate conferma quanto precisato con la risoluzione n. (CASA&CLIMA.com)

risponde Fisco Oggi. Si conferma quanto precisato dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione n. Ho trovato l’informazione secondo cui con la Risoluzione n. (CASA&CLIMA.com)

Fine settimana di lavoro dei due relatori al decreto Sostegni 2, Massimo Bitonci (Lega) e Giuseppe Buompane (M5S) per esaminare gli emendamenti segnalati dei diversi gruppi parlamenti al provvedimento. (Italia Oggi)

Non si era detto di semplificare, di ridurre gli oneri amministrativi e di eliminare delle tassazioni che spesso costano allo Stato più di quanto spera di raccogliere? Sì, ma è tutto di là da venire, la riforma del Fisco è in fase di elaborazione, per ora il contribuente deve destreggiarsi tra le 144 scadenze fiscali previste per il mese di giugno, con i commercialisti al centro della linea di fuoco. (Sputnik Italia)

L'agenda è molto ampia, si parla di circa 144 appuntamenti (se si considerano tutte quante le tipologie di contribuenti) compressi in soli 14 giorni, dal 16 al 30 giugno. Ci sono poi anche il pagamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali, così come la liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente. (Notizie - MSN Italia)

COS'È UN ASSEGNO. Prima di esaminare tali rischi, riassumiamo brevemente come funziona il pagamento tramite assegno. Per circolare, l’assegno deve rispettare alcune formalità: deve avere la “girata”, ovvero la firma apposta sul retro dell’assegno stesso da parte del beneficiario e di eventuali altri giranti. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr