È arrivato il momento di Max Verstappen?

È arrivato il momento di Max Verstappen?
Per saperne di più:
Undici SPORT

Max Verstappen vive nella contraddizione, vive di contraddizioni.

Verstappen vive di contraddizioni, si diceva.

Dopo il GP del Bahrain, prima gara della stagione 2021 di Formula 1, Max Verstappen si è ritrovato nell'insolita posizione del beniamino.

Verstappen è l'unico che sembra al punto giusto, al volante della macchina giusta, alla guida della squadra giusta

Verstappen sa che in Formula 1 non c'è tempo. (Undici)

Su altri giornali

Così a inizio stagione Valtteri Bottas ha sottolineato l’onore ma anche l’onere di essere un pilota Mercedes, ma di dover dividere il box con Lewis Hamilton. Anche Verstappen o Leclerc faticherebbero contro Hamilton”. (FormulaPassion.it)

La Gazzetta dello Sport ricorda: “ad esclusione dei top team, lo stipendio dei piloti è caratterizzato dalla variabile dei bonus legati ai punti conquistati La cifra di cui si parla, secondo indiscrezioni che proseguono da settimane, è di 30 milioni di dollari, al cambio 25 milioni di euro. (FormulaPassion.it)

Ora come ora rappresenta un riferimento anche per un Cavallino nel quale la premiata ditta Leclerc-Sainz è già entrata nel cuore dei tifosi. Dopo l’annullamento della passata edizione nel prossimo fine settimana torna ad alzarsi il sipario anche sul Mondiale di FE di scena sulle strade di Roma. (Autosprint.it)

Clamoroso in F1: in arrivo il tetto agli stipendi dei piloti! Hamilton e Verstappen, ci state?

Mentre Charles Leclerc incassa dalla Ferrari circa 9 milioni di euro. li organizzatori pensano di stabilire un tetto massimo: 25 milioni di euro da dividere tra i due titolari e le "riserve". La Formula 1 pensa ad inserire un tetto all'ingaggio dei piloti. (Sport Mediaset)

Quando Lewis Hamilton è arrivato in Formula 1, Pedro de la Rosa era tornato a tempo pieno collaudatore della McLaren dopo l’esperienza di prima guida nella seconda parte del 2006. Il catalano ricorda bene il debutto in McLaren di Lewis Hamilton (annunciato come pilota ufficiale a novembre 2006): “Dal primo giorno, quando è salito sulla McLaren, era già speciale. (FormulaPassion.it)

Adesso sono i ricchissimi guadagni dei piloti a finire nel mirino (clicca qui per vedere i loro stipendi). Ma lo stesso discorso si potrebbe fare anche con la Red Bull, dove Max Verstappen fino a quest’anno può contare su un ingaggio da nababbo garantito dalla Honda: circa 40 milioni di dollari (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr