Dopo la furia della tempesta, si fa la conta dei danni: «Poteva essere una tragedia»

Dopo la furia della tempesta, si fa la conta dei danni: «Poteva essere una tragedia»
L'Arena INTERNO

A Torri del Benaco proseguono senza sosta i lavori per rimarginare le profonde ferite al territorio causate dalla devastante tempesta di vento e acqua che si è abbattuta martedì pomeriggio.

In via Verdi e in diversi punti di località Loncrino si sono depositati fango e detriti.

Nel frattempo prosegue la conta dei danni allo Yachting Club, devastato dalla furia di pioggia, vento e acqua del lago.

La ditta locale Macran è al lavoro per recuperare almeno otto imbarcazioni, di cui sei di proprietà di turisti, rimaste coinvolte nella tempesta di martedì. (L'Arena)

Su altre testate

Mi chiama la Fedora - scrive la Olga - e mi chiede: «Cosa sarésselo el green pass?». «La me spussarìa anca a mi se fusse 'na pischèrla» mi fa la Fedora (L'Arena)

Sono stati liberati dagli altri residenti poco prima di essere sommersi mentre stavano cercando di mettere in salvo le auto o altro materiale. Ha inondato i garage, i seminterrati ed è salita oltre la tromba delle scale che porta al piano superiore» (Il Giornale di Vicenza)

«Eri un ragazzo meraviglioso», ha detto invece la zia di Perina, Emanuela, con la voce rotta dal dolore. E proprio il casco nero che portava al momento dell’incidente è stato sistemato per tutta la cerimonia sulla bara. (L'Arena)

Nubifragi e grandinate, la Regione Veneto apre lo stato di crisi

Le minori entrate dell'ente sono state, infatti, pari a 790mila euro, su un patrimonio netto che supera quota 5,7 milioni di euro Lo scorso 7 luglio, con determina del direttore Federica Boscaro, l'Ipab «Domenico Cardo» ha stabilito la collocazione temporanea in aspettativa non retribuita di un'operatrice sanitaria. (L'Arena)

Da quel sabato 5 giugno nel quale il segretario nazionale del Carroccio Matteo Salvini ha accolto nel partito la sindaca Sara Moretto, a Buttapietra continuano ad esserci movimenti che sono ripercussione di quel passaggio. (L'Arena)

Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ha dichiarato lo stato di crisi a seguito dei violenti nubifragi con grandinate e forti raffiche di vento che ieri hanno interessato molte zone del Veneto, in particolare le province di Verona, di Vicenza e la zona di Porto Tolle. (veronaoggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr