Petrolio vola sopra $80 ai massimi dal 2014, Eni riacciuffa quota 12 euro

Wall Street Italia ECONOMIA

Eni corre a Piazza Affari, tanto da violare al rialzo la soglia dei 12 euro con il guadagno dell’1,7%.

In tutto questo, L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e gli alleati, chiamati insieme OPEC+, la scorsa settimana hanno deciso di mantenere un costante e graduale aumento della produzione.

Così la sim, oltre a confermare la raccomandazione di ‘Buy’, ha ritoccato il target di prezzo a 13,5 euro, al rialzo del 4%. (Wall Street Italia)

Su altri media

(Teleborsa) - Le quotazioni di petrolio continuano a salire e restano sopra la soglia gli 80 dollari al barile, soglia superata nella seduta di venerdì.Il future novembre sulche aggiorna i massimi dal 2014 mostra un rialzo del 2,04% e viaggia a 80,97 dollari mentre quello sulbalza dell'1,57% a 83,68 dollari (Teleborsa)

Se vuoi ricevere informazioni personalizzate compila anche i seguenti campi opzionali Se è la prima volta che ti registri ai nostri servizi, conferma la tua iscrizione facendo clic sul link ricevuto via posta elettronica. (Finanzaonline.com)

Stamattina, alle ore 8:15, il petrolio greggio WTI è scambiato nuovamente in rialzo a 80,830 dollari al barile, mentre il prezzo del gas naturale è di 5,6735 dollari, anch’esso in rialzo rispetto alla chiusura settimanale. (Yahoo Finanza)

I contratti più negoziati sull’importante hub TTF olandese sono saliti ai massimi storici“, ha affermato Energi Danmark in una nota di martedì. Anche il prezzo del gas di riferimento per l’Europa è salito martedì per la prima volta sopra i 100 euro per MWh. (Tecnoandroid)

Le quotazioni del petrolio restano sopra la soglia degli 80 dollari e salgono ancora con il Wti in aumento dell’+1,83 a 80,80 dollari. Gli 80 dollari al barile sono stati superati venerdì scorso con le quotazioni che sono così salite sui livelli più alti dal 2014. (Bizjournal.it - Liguria)

Ciò avviene in mezzo a discussioni in stallo per ottenere un accordo internazionale sul suo programma nucleare, che gli consentirebbe di ricominciare ufficialmente a esportare petrolio Le crisi energetiche in Cina e India potrebbero portare a un rallentamento anche nel continente asiatico. (Investire.biz)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr