Il caso Pegasus

Il caso Pegasus
ISPIonline ESTERI

In linea di principio, spetta al garante ungherese per la protezione dei dati verificare se sono avvenute violazioni ai danni di giornalisti, politici e privati cittadini, “ma ovviamente stiamo seguendo il caso da vicino” ha detto un funzionario europeo.

Il presunto coinvolgimento dell’Ungheria nello scandalo Pegasus riaccende le polemiche nel rapporto – già burrascoso – tra Bruxelles e Budapest.

Il commento. (ISPIonline)

La notizia riportata su altri media

Il Security Lab di Amnesty International ha scoperto tracce dell’attività di Pegasus su 37 dei 67 smartphone esaminati e collegati all’elenco di cui parlavamo prima. NSO Group è un’azienda per la produzione di tool di hacking, utilizzati soprattutto dai governi e dalle forze dell’ordine di tutto il mondo. (iPhone Italia)

Amnesty International ha eseguito test forensi su 67 telefoni, in 37 dei quali è stata trovata traccia dello spyware Pegasus. Pegasus Project è l’indagine riguardante lo spyware realizzato da NSO Group e su chi ne è stato colpito. (Tom's Hardware Italia)

Nella Ue – ha aggiunto la presidente – c’è la libertà di stampa ed è uno dei valori fondamentali dell’Unione europea e sarebbe assolutamente inaccettabile se fosse così”. “Sarebbe contro qualsiasi regola. (LA NOTIZIA)

Lo spyware Pegasus è stato utilizzato per spiare giornalisti e attivisti

Il suo telefonino non è mai stato ritrovato, ed è dunque impossibile sapere se fosse stato infettato Ruanda, Marocco e India hanno negato di aver usato il software per controllare i telefonini inclusi nella lista. (Corriere della Sera)

Nella piattaforma, Edward Snowden è la voce narrante di una serie di video sugli attivisti per i diritti umani e i giornalisti presi di mira dal software Pegasus. Amnesty International e Citizen Lab hanno più volte denunciato come centinaia di difensori dei diritti umani nel mondo siano stati presi di mira grazie all’uso del software Pegasus. (Il Fatto Quotidiano)

Qualche giorno fa Amnesty International ha pubblicato un rapporto che è stato esaminato da Citizen Lab, il quale ha confermato che lo spyware Pegasus è stato installato con successo su alcuni dispositivi Android e su un dispositivo iPhone 12 Pro Max con iOS 14.6, un iPhone SE2 con iOS 14.4 e un iPhone SE2 con iOS 14.0.1. (TuttoAndroid.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr