Caos scuola in Sicilia: sindaci si oppongono a riapertura

Caos scuola in Sicilia: sindaci si oppongono a riapertura
lasiciliaweb | Notizie di Sicilia INTERNO

Numerosi primi cittadini hanno così predisposto ordinanze di proroga della chiusura in base alle norme del testo unico degli Enti Locali.

L’assemblea dei sindaci siciliani ha però deciso di opporsi in maniera quasi unanime nel corso di una riunione tenutasi nel pomeriggio e coordinata da Anci Sicilia.

Caos sulla riapertura delle scuole in Sicilia.

Una decisione che muove esclusivamente dalla necessità fondamentale di tutelare la salute dei ragazzi e degli operatori della scuola”

Nella riunione della task force regionale il ritorno in classe era stato fissato per domani. (lasiciliaweb | Notizie di Sicilia)

Su altre testate

La Flc-Cgil all’Ansa ha dichiarato che «anche l’associazione nazionale dei presidi si è schierata per il ritorno a scuola senza se e senza ma. Abbiamo chiesto ancora qualche giorno ma abbiamo capito che solo una norma del governo nazionale può evitarlo» ha concluso la Flc-Cgil (CastelvetranoSelinunte.it)

Così recita il comma 5 dell’articolo 50 del TUEL, il Testo Unico degli Enti Locali. La scuole sarebbe dovuta riprendere domani anche secondo il volere del governo Draghi. (Alpauno)

D'accordo sulla riapertura il direttore scolastico regionale, Stefano Suraniti e l'associazione nazionale dei presidi. - PALERMO, 12 GEN - Cresce il numero di contagi in Sicilia: i casi sono 13.048 a fronte di 62.875 tamponi processati. (Ansa)

Covid, domani si torna a scuola: niente DaD per gli studenti

Una storia che sembra infinita dato che la zona arancione, per la città di Caltanissetta, è stata prevista dal Governatore Nello Musumeci fino al 19 gennaio Già la notizia era trapelata ma si attendeva un messaggio ufficiale firmato dai 22 “primi cittadini” della provincia di Caltanissetta. (il Fatto Nisseno)

Secondo i Sindaci non ci sono ancora dati “certi” sui tracciamenti nè sui contagi e finché non ci saranno il ritorno in classe non è sicuro. (il Fatto Nisseno)

I sindaci avevano chiesto "di conoscere i dati certi relativi al numero dei contagiati comune per comune, all'incidenza degli stessi su 100.000 abitanti, al tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in aree mediche insieme al numero delle persone vaccinate" (Ansa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr