Mazzini chiusa, personale Ata sciopera contro il Green pass. Polizia all'Anna Frank

Mazzini chiusa, personale Ata sciopera contro il Green pass. Polizia all'Anna Frank
Libertà INTERNO

“Un componente del personale Ata – conferma il preside Ludovico Silvestri – non possedeva la certificazione verde, ma voleva comunque accedere all’istituto.

Le forze dell’ordine sono intervenute anche nella scuola media Anna Frank, in via Alberoni, a Piacenza, al suono della campanella.

Il personale Ata ha infatti aderito in massa allo sciopero del sindacato Anief contro la richiesta del Green pass, rendendo impossibile l’avvio dell’anno scolastico nell’istituto primario di via Cavour (Libertà)

La notizia riportata su altre testate

Doccia gelata per i mille piccoli studenti dell'istituto comprensivo via dell'Aeroporto, che include anche i due plessi in viale di San Giovanni Bosco: un cartello affisso a ciascuno dei cancelli dell'istituto annuncia la chiusura della scuola (dell'infanzia, primaria e media) per via dello sciopero del personale Ata, i bidelli. (Repubblica Roma)

Alla primaria “Mazzucchelli”, infatti, i piccoli studenti sono stati costretti a tornare a casa a causa dello sciopero indetto, a livello nazionale, dal personale ATA. Primo giorno di scuola per tutti gli alunni chivassesi. (giornalelavoce)

Si tratta di preoccupazioni che i genitori, proprio con Arcaro, in qualche modo avevano anticipato durante un sit-in organizzato il primo settembre sotto la sede dell'ex provveditorato a Borgo Scroffa (nel riquadro) Il suo dirigente scolastico, ossia il dottore Vincenzo Trabona, alcuni giorni orsono aveva vergato una circolare nella quale, per dirla alle brevi, si metteva nero su bianco che chiunque debba accedere a scuola dovrà essere dotato di green pass o di altra documentazione ad hoc. (VicenzaToday)

Scuola, si parte. Intoppi logistici ma non per lo sciopero

Secondo alcuni dati della Uil ad oggi mancano 2 mila docenti. Iniziare con il supplente e vedersi poi arrivare il professore ad anno quasi concluso come pure è capitato genera delle problematiche sull’andamento dell’insegnamento». (ilmessaggero.it)

E’ accaduto questa mattina alla Camerani, dove solo in due delle tre sezioni le lezioni si sono svolte regolarmente. «Ma il dispiacere maggiore è stato vedere mio figlio guardare gli altri entrare e non poter vivere il suo primo giorno di scuola» commenta amaro un papà. (Corriere Romagna)

In molti, infatti, devono proprio ad Anief la possibilità di insegnare grazie ad alcuni ricorsi di massa (si pensi ad esempio al caso dei diplomati magistrali). Scarsa adesione. I tesserati per il piccolo ma dinamico sindacato della scuola sono meno del 10% ma sono generalmente molto agguerriti e solidali. (umbriaON)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr