Nissan: auto elettrica compatta in arrivo in Europa

Fashion Times ECONOMIA

“Questo è un ottimo esempio dell’approccio di ‘differenziazione intelligente’ dell’Alleanza.

Succedendo alla nostra iconica Micra, sono sicuro che questo nuovo modello fornirà ulteriore entusiasmo ai nostri clienti in Europa”

“Questo nuovissimo modello sarà progettato da Nissan e prodotto da Renault, utilizzando la nostra nuova piattaforma comune, massimizzando l’uso delle nostre risorse dell’Alleanza pur mantenendo la sua Nissan-ness”, ha dichiarato Ashwani Gupta, Chief Operating Officer di Nissan. (Fashion Times)

La notizia riportata su altri giornali

L'uso di piattaforme comuni nei prossimi anni passerà dal 60% di oggi a oltre l'80% dei 90 modelli dell'alleanza che saranno in vendita nel 2026. Saranno cinque le piattaforme comuni dedicate ai veicoli elettrici, che copriranno il 90% della produzione (Lo Speciale)

Progettata per essere prodotta nel centro Renault ElectriCity in Francia, la nuova vettura succederà all’iconica Nissan Micra. Il successore di Nissan Micra sarà costruito sulla nuova piattaforma CMF B-EV Alliance. (Quotidiano Motori)

(FERPRESS) – Roma, 28 GEN – Il Gruppo Renault, Nissan Motor Co., Ltd. L'abbonamento per un anno a Ferpress costa solo € 250,00 + iva. (ferpress.it)

Nissan annuncia la nuova compatta elettrica ispirata alla Micra. Il veicolo elettrico annunciato oggi si aggiunge al portafoglio di veicoli Nissan prodotti da Renault in Francia che include la gamma di veicoli commerciali leggeri di Nissan, in particolare il nuovo Nissan Townstar che succede al pionieristico e-NV200 come piccolo furgone elettrico della casa automobilistica. (TuttoTech.net)

La Nissan Micra avrà una degna sostituta e questa sarà una compatta 100% elettrica. Tra questi ci sono i veicoli commerciali leggeri di Nissan, in particolare il nuovo Nissan Townstar, sostituito dell’e-NV200 come piccolo furgone elettrico di Nissan (Tech Princess)

Tutto questo – si spiega – “è completato e migliorato da un approccio più rigoroso al design e alla differenziazione della carrozzeria”. Nei prossimi anni verrà anche ottimizzato l’uso di piattaforme comuni, passando dal 60% di oggi a più dell’80% nel 2026 per i 90 modelli dell’Alleanza con evidenti benefici in termini di spese di sviluppo e produzione. (siciliareport.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr