Sparatoria a Cinisi, l'indagato: "Spero che quel ragazzo si salvi, ma ha dato un pugno alla mia fidanzata"

Sparatoria a Cinisi, l'indagato: Spero che quel ragazzo si salvi, ma ha dato un pugno alla mia fidanzata
PalermoToday INTERNO

Il diciannovenne avrebbe quindi deciso di mettersi in macchina e di andare a cercare i fratelli, che conosceva, per vendicarsi dell'aggressione alla fidanzata.

Uno scontro tra l'attuale fidanzata del fermato e la sua ex, imparentata con i fratelli feriti.

Il diciannovenne fermato per il tentato omicidio durante l'interrogatorio ha risposto al gip spiegando che i due fratelli feriti avrebbero preso le difese di un'altra ragazza, sua ex, in una rissa avvenuta a Terrasini (PalermoToday)

La notizia riportata su altri media

I carabinieri hanno trovato a terra due bossoli di una calibro 9 e hanno sequestrato l'auto con la quale il più grande dei due fratelli è stato portato in ospedale e che ha un foro nella carrozzeria. I carabinieri stanno acquisendo le immagini dei sistemi di video sorveglianza della zona, a cominciare proprio da quelle del distributore di benzina (Sky Tg24 )

C'è un fermato per il tentato omicidio di ieri a Cinisi, nel palermitano. Il 20enne è accusato di tentativo di omicidio, detenzione abusiva di arma comune da sparo e ricettazione (La Sicilia)

Il giovane avrebbe sparato contro la vittima, perché aveva iniziato a frequentare la sua ex fidanzata. Il giorno prima, l’aggressore pubblicava un post su Instagram citando Al Pacino nel film “Scarface”, avvertendo di stare lontani dalla “sua donna” (LaPresse)

Roberto ed Emanuel Bozzo i fratelli feriti in una sparatoria a Cinisi

Quest’ultimo, alcune ore dopo i fatti che lo hanno coinvolto, si è presentato spontaneamente presso gli uffici della Squadra Mobile della Questura di Palermo, assistito dal legale di fiducia. Da una preliminare ricostruzione, le due vittime, che erano state in precedenza coinvolte insieme a persone vicine al 19enne in una rissa scoppiata per futili motivi a Terrasini, sono state raggiunte poi a Cinisi dall’indagato che, avendo appreso quanto accaduto, avrebbe messo in atto la sua vendetta contro i due fratelli. (AMnotizie.it)

Il fratello Emanuel Bozzo, 21 anni, è stato medicato per una ferita al piede. Successivamente la sparatoria nell’impianto di benzina, dove i fratelli sarebbero andati con l’auto di un amico per fare carburante (Giornale di Sicilia)

Roberto è stato operato, il fratello è stato medicato. La sparatoria è avvenuto nei pressi del distributore di benzina Q8, nella zona di corso Umberto e via Venuti. (Diretta Sicilia )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr