Governi autoritari hanno usato un 'malware' per spiare 180 giornalisti

Governi autoritari hanno usato un 'malware' per spiare 180 giornalisti
AGI - Agenzia Italia INTERNO

Cosa è Pegasus. Pegasus è un malware capace d'infettare iPhone e Android da cui è in grado di estrarre messaggi, foto ed email, come anche registrare chiamate e attivare microfoni.

Al momento, le analisi della scientifica su una piccola parte dei numeri che compaiono nel mega leak, rivelano che oltre la metà riporta tracce di Pegasus.

"Questo leak diventerà la storia dell'anno", ha scritto su Twitter l'attivista, rifugiato in Russia

Nella lista, ci sono oltre 50 mila numeri di telefono, di interesse per i clienti della Nso dal 2016. (AGI - Agenzia Italia)

Se ne è parlato anche su altre testate

Il software sarebbe stato utilizzato anche dall'Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per tenere sotto controllo i cellulari di alcune persone vicine a Jamal Kashoggi, il giornalista del Washington Post assassinato. (il Giornale)

Il problema sarebbe che le funzionalità di sicurezza di cui si vanta Apple sono un’arma a doppio taglio. Con il supporto tecnico di Amnesty International, il progetto ha avuto come scopo primario quello di indagare su un elenco di decine di migliaia di numeri di telefoni cellulari, collegati sia a telefoni Apple che Android. (Tech Princess)

Ritiene, dunque, che non esiste connessione tra la tecnologia di loro produzione e il numero delle persone che si ipotizzano essere vittime di Pegasus Le versioni più moderne dello spyware in esame possono hackerare per un lungo periodo uno smartphone senza che all’apparenza risulti compromesso. (Sicurezza.net)

Spyware Pegasus: spiate oltre 50.000 persone

Abbiamo prove irrefutabili che queste affermazioni sono un ridicolo falso”, ha dichiarato Etienne Maynier, del Security Lab di Amnesty International. “Le massicce violazioni dei diritti umani che Pegasus facilita devono finire (hackerjournal.it)

NSO Group, azienda israeliana leader nella produzione di spyware, nega di aver mai venduto Pegasus a chi non lo usi per combattere il crimine. Quel che è certo è che il trojan Pegasus può registrare non solo messaggini e conversazioni telefoniche, ma anche attivare il microfono del cellulare quando l’intercettato non lo usa, così da trasformarlo in una cimice. (Policymakermag)

Scendendo nel dettaglio, per far penetrare Pegasus all’interno dello smartphone vittima, viene mandato all’utente via mail o come messaggio sui social un link malevolo, alla cui pressione viene scaricato e installato lo spyware di NSO. (DR COMMODORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr