Borse europee e future di Wall Street in rialzo in attesa dei banchieri centrali

Milano Finanza ECONOMIA

Il leggero rialzo il bitcoin che adesso scambia a 42.105 dollari dopo che ieri è sceso sotto quota 40.000

Per quanto riguarda i dati macro a novembre 2021 si stima un calo congiunturale per le vendite al dettaglio.

Sono in diminuzione le vendite dei beni alimentari, mentre quelle dei beni non alimentari risultano pressoché stazionarie.

Dall'altra parte dell'oceano sulla stessa linea i future di Wall Street con il Dow Jones che segna un progresso dello +0,30% e l'S&P dello +0,45%. (Milano Finanza)

Se ne è parlato anche su altri media

Lo spread tra Btp e Bund è a elastico e si riavvicina ai 134 punti con il rendimento del decennale italiano all'1,28 per cento - MILANO, 12 GEN - Le Borse europee si confermano positive ma caute a metà seduta con il dato di dicembre dell'inflazione Usa in agenda nel primo pomeriggio. (Tiscali.it)

Sotto la lente le parole, davanti al Congresso, di Jerome Powell, presidente della Federal Reserve (Fed). Ma rimane il suo impatto fondamentale su liquidità e condizioni finanziarie, che si svilupperà nei prossimi mesi - aggiunge l'esperto -. (Yahoo Finanza)

Sessione debole per l', che scambia con un calo dello 0,35%. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,38%. (Teleborsa)

Ieri, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha confermato tre rialzi dei tassi di interesse, per quest'anno, come atteso. Sul mercato valutario, stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,136. (ilmessaggero.it)

La Borsa di Tokyo archivia la seduta in netto rialzo, con l’indice a +1,92%, dopo le indicazioni di politica monetaria arrivate dalla Fed. LA FED CONFERMA I RIALZI DEI TASSI. Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ieri al Senato Usa ha confermato per quest’anno tre rialzi dei tassi, come già annunciato nelle scorse settimane. (Investing.com)

La lettura sul carovita comunicata ieri ha mostrato una crescita su base mensile dello 0,5% e su basse annua del 7%, la più elevata dal giugno 1982. Petrolio in ribasso nei due listini di riferimento: ii Wti scambia a 82,2 dollari al barile, il Brent è a quota 84,3. (Milano Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr