I controlli dei Nas sulle ambulanze di tutta Italia: denunciato anche il presidente di un’associazione dell’Alessandrino

La Stampa INTERNO

Proprio a causa di gravi carenze igienico-gestionali e di impiego di mezzi non idonei alle attività sanitarie, sono stati eseguiti provvedimenti di sospensione dell’attività con divieto d’uso di 9 ambulanze appartenenti ad aziende private operanti nel settore, per un valore di 500 mila euro

Controlli dei carabinieri del Nas sulle ambulanze di tutta Italia. Denunciato il presidente di un’associazione operante nella provincia di Alessandria poiché, nel corso di ispezione, all’interno di un’ambulanza, sono state rinvenute due bombole di gas medicinale, una collegata al ventilatore polmonare e la seconda riposta nello zaino di soccorso per un totale di 4 litri di ossigeno, risultate scadute di validità dal mese di marzo immediatamente sottoposte a sequestro. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Tra gli episodi più eclatanti, sono state rilevate dai Carabinieri dei NAS tecniche elusive per evitare il controllo delle ambulanze irregolarmente adibite al trasporto di infermi nonché ventilatori polmonari collegatori a bombole contenenti ossigeno medicinale con data di scadenza superata addirittura dal luglio 2018. (latinaoggi.eu)

In tutta Italia sono stati verificate 1.297 ambulanze: 17 di queste nel territorio pontino Nel primo caso la denuncia è scattata per aver lasciato dei farmaci scaduti nel mezzo di soccorso, nel secondo caso invece per aver omesso l'aggiornamento del documento di valutazione dei rischi. (ilmessaggero.it)

In provincia ispezioni su 17 mezzi di soccorso. Verifiche dei carabinieri del Nas in tutta Italia sulle ambulanze. I controlli hanno consentito di individuare 160 mezzi non conformi alle normative che disciplinano la corretta erogazione del servizio e la sicurezza di operatori e pazienti a bordo. (LatinaToday)

Farmaci e ossigeno scaduti nel 2018: sequestro dei Nas su un'ambulanza in Friuli

Una quota delle contestazioni hanno riguardato soccorritori che non avevano partecipato a corsi basici di primo intervento, infermieri senza abilitazione e un certo numero di soccorritori senza vaccinazione anti Covid. (emergency-live.com)

Il Nas di Campobasso ha effettuato controlli sulle ambulanze. Tra gli episodi più eclatanti, sono state rilevate dai Carabinieri dei NAS tecniche elusive per evitare il controllo delle ambulanze irregolarmente adibite al trasporto di infermi nonchè ventilatori polmonari collegatori a bombole contenenti ossigeno medicinale con data di scadenza superata addirittura dal luglio 2018. (Termoli Online)

Inoltre, al fine di eludere possibili controlli, alcuni operatori di bordo lasciano gli automezzi in sosta in luoghi distanti dall'ospedale. I dispositivi, del valore complessivo di circa 2.500 euro, erano tenuti in parte all'interno delle ambulanze e in parte nel magazzino scorte (UdineToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr