Al G8 ci aspettavamo una cosa meravigliosa, ci trovammo davanti allo sfracello

Al G8 ci aspettavamo una cosa meravigliosa, ci trovammo davanti allo sfracello
Per saperne di più:
La Stampa INTERNO

Il «prima» del G8 a Genova era la più bella estate che mi ricordassi perché era un’estate stupenda, un’estate di maestrale: ogni giorno verso le 10, le 11 da giugno in poi tirava un maestralino meraviglioso. La città era splendida, perché era fresca, era assolata e fresca. Io abitavo in

(La Stampa)

Ne parlano anche altre testate

In seguito alla sentenza Cestaro altre 29 vittime delle violenze alla scuola Diaz avevano presentato ricorso alla Cedu, ottenendo tutti risarcimenti tra i 40 e i 55milas euro Gli episodi della scuola Diaz seguirono di poche ore la morte di Carlo Giuliani. (Corriere della Sera)

Carlo Giuliani e i manifestanti Carlo Giuliani aveva 23 anni quando viene ucciso da un colpo di pistola esploso da Mario Placanica, carabiniere giovanissimo anche lui. (Sky Tg24 )

La storia ci ha insegnato che invece erano verità difficili e scomode e che oggi è necessario concretamente dare risposte". "Quel movimento di allora - ha detto don Luigi Ciotti - ha bisogno di esserci ancora oggi. (Primocanale)

L'anniversario. I modenesi al G8 di Genova/ «I diritti erano sospesi e alla Diaz fu mattanza»

Ne sono passati 20 dal G8 di Genova (IL RACCONTO) e 11 da quando, giudice della Corte d'Appello di Genova, fu estensore della sentenza di secondo grado per i fatti avvenuti nella caserma di Bolzaneto. VIDEO "I processi sui fatti del G8 di Genova non arrivano a una vera verità processuale perché si concludono, pur attraverso una dichiarazione analitica delle testimonianze, con una dichiarazione, per la maggior parte dei reati, di estinzione per intervenuta prescrizione e come tale quindi la verità processuale è monca". (Sky Tg24 )

Dopo Napoli ci fu chi al Viminale provò a porre la questione. Dopo Genova nei fatti morì, si perse nelle sue mille sigle che non ebbero più potere e forza (Tiscali Notizie)

Venti anni dopo il G8 di Genova, venti anni di ricordi, accuse, processi, battaglie di legalità e per rivendicare diritti che in quei giorni furono sospesi. Volevamo solo andare in piazza a controllare quello che succedeva durate le manifestazioni e le interposizioni pacifiche e documentare eventuali abusi che immaginavamo molto minori» (La Gazzetta di Modena)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr