Spagna, oltre duecento migranti scavalcano la barriera di Melilla

laRegione ESTERI

Ci hanno provato in più di 300 e 238 sono riusciti nell'intento, secondo i dati forniti dal governo spagnolo.

Secondo il governo spagnolo, i migranti che hanno saltato i sei metri di barriera sul confine erano provvisti di uncini per agevolare la scalata

(Vittoria, vittoria!)".

Episodi di proporzioni simili a quelle osservate giovedì mattina a Melilla si vedono di rado da quelle parti.

Uno è stato ricoverato per fratture a tibia e perone, mentre altre 17 persone hanno ricevuto assistenza sanitaria per ferite lievi. (laRegione)

Su altre testate

Ansa Madrid: "Oltre 230 migranti saltano la barriera di Melilla ed entrano in Spagna". Oltre 230 i migranti sono riusciti a entrare in territorio spagnolo saltando in massa la barriera situata alla frontiera tra il Marocco e l'enclave di Melilla. (Notizie - MSN Italia)

Il fatto riportato è avvenuto poco prima delle 7 del mattino. Si tratta di uno dei salti di massa della barriera alla frontiera di questa enclave che hanno coinvolto più persone negli ultimi anni. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

I migranti, molti di questi feriti, hanno attraversato diversi quartieri della città fino a raggiungere il Centro di soggiorno temporaneo dove hanno chiesto asilo. Alcuni sono giunti feriti. Sono oltre 230 i migranti che hanno saltato la barriera di Melilla entrando in Spagna (Inews24)

238 persone sono riuscite a superare il confine. Intanto, il cadavere di un giovane migrante è stato ritrovato su una spiaggia di Ceuta, altra enclave spagnola in Marocco (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Si tratta come detto della terza irruzione in appena due settimane Oltre 200 migranti di origine sub sahariana sono riusciti a entrare a Melilla, città autonoma in territorio spagnolo, superando la recinzione che separa la frontiera con il Marocco. (La Stampa)

Anche nei giorni scorsi ci sono stati dei tentativi di accesso irregolare in territorio spagnolo, l’ultimo dei quali ha coinvolto una ventina di migranti Il fatto riportato è avvenuto poco prima delle 7 del mattino. (Libertà)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr