Iran, diplomatica svizzera precipita dal balcone della sua abitazione al 18esimo piano

Iran, diplomatica svizzera precipita dal balcone della sua abitazione al 18esimo piano
Più informazioni:
Il Fatto Quotidiano ESTERI

Il ministro degli Esteri svizzero, Ignazio Cassis, si è detto “scioccato dalla tragica morte” della diplomatica svizzera e ha espresso le sue “più profonde condoglianze alla famiglia”.

Le autorità svizzere non hanno fornito alcun dettaglio sulle circostanze della morte né il nome della diplomatica per ragioni di privacy

Si indaga sulla misteriosa morte di una diplomatica svizzera in servizio presso l’ambasciata del suo Paese in Iran (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altre testate

E l’ambasciata svizzera è in contatto con le autorità locali, si legge ancora nella nota. Una diplomatica svizzera in servizio presso l’ambasciata in Iran è morta stamane cadendo da una finestra o un balcone del suo appartamento al 18esimo piano, in una zona residenziale nel nord di Teheran. (Corriere del Ticino)

Una tragedia su cui le unità specializzate della polizia iraniana hanno aperto un'inchiesta, escludendo al momento l'ipotesi di un suicidio. Quando è stato rinvenuto il cadavere, ha riferito il portavoce del Dipartimento per le emergenze di Teheran, Mojtaba Khaledi, la donna era già «morta da un po' di tempo». (Ticinonline)

Assadollah Assadi, 49 anni, di stanza presso l'ambasciata iraniana a Vienna all'epoca dei fatti, era considerato dalla giustizia belga il coordinatore dell'attentato sventato in extremis il 30 giugno 2018 grazie all'azione concertata di diversi servizi di intelligence europei (Tiscali.it)

Teheran: diplomatica svizzera precipita dal 18esimo piano di un grattacielo

L'ambasciata svizzera a Teheran rappresenta anche gli interessi degli Usa in Iran dalla rottura delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, nel 1980 Il ministero degli Esteri di Berna è in contatto con la famiglia della diplomatica e con le autorità locali, ha aggiunto il portavoce. (La Nuova Sardegna)

Secondo un portavoce della National Emergency Medical Service Organization iraniana, Mojtaba Khaledi, la donna sarebbe morta diverse ore prima del ritrovamento. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa iraniana «Mehr», la diplomatica aveva il ruolo di prima segretaria dell’ambasciata svizzera a Teheran e curava gli interessi degli Stati Uniti nel Paese (il compito è delegato all’ambasciata svizzera dal 1980, quando Washington aveva rotto i rapporti con l’Iran della Rivoluzione islamica). (Corriere della Sera)

Giallo a Teheran, dove un’alta diplomatica svizzera è stata trovata morta questa mattina nella zona nord della città, ai piedi del grattacielo dove abitava. L’Iran infatti sta cercando di riallacciare i rapporti con gli USA dopo l’era Trump e rientrare nell’accordo sul nucleare (ticinolive)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr