Due alpinisti bergamaschi perdono la vita sul Pizzo Badile

Due alpinisti bergamaschi perdono la vita sul Pizzo Badile
Valseriana News INTERNO

I due hanno fatto un volo di 350 metri e sono stati colpiti da una scarica di sassi.

Sono Matteo Cornago di 25 anni, residente Sorisole, e Giovanni Allevi di 48 anni, residente a Villa di Serio, sono i due i alpinisti bergamaschi che hanno perso la vita durante un’ascensione al Pizzo Badile.

Il recupero dei due alpinisti bergamaschi. Dopo la segnalazione del mancato rientro avvenuto domenica sera sono partite le ricerche, sia sul versante italiano, sia su quello elvetico. (Valseriana News)

La notizia riportata su altri media

Erano partiti sabato dal rifugio Sasc Furà, in Svizzera, per raggiungere la parete Nord-Est del Pizzo Badile, in direzione della via Cassin, con l'intenzione di arrivare al rifugio Gianetti, nel territorio comunale di Val Masino (Sondrio), dove però non sono mai arrivati. (La Repubblica)

Due alpinisti uno di 25 anni, residente a Bergamo, e l'altro di 48 anni, di Treviglio (Bergamo), hanno perso la vita durante un'ascensione fra la Svizzera e la provincia di Sondrio. Notiziario 10.00 del 01.08. (RSI.ch Informazione)

Martedì i corpi senza vita sono stati trovati dalla polizia svizzera. Due escursionisti originari della provincia di Bergamo, dispersi da domenica sera, 12 settembre, sono stati ritrovati privi di vita martedì mattina dalla polizia svizzera. (BergamoNews.it)

Due alpinisti bergamaschi morti in Svizzera: erano dispersi da domenica, trovati in un crepaccio

È un impresa difficile da comprendere, quella che ha completato Filip Babicz sul Pizzo Badile: lo Spigolo Nord in soli 42 minuti e 52 secondi. Il materiale utilizzato da Filip Babicz per salire lo Spigolo Nord del Pizzo Badile in 42 minuti e 52 secondi. (PlanetMountain)

Durante la ricognizione sono state individuate alcune tracce sul versante svizzero, nei pressi di un crepaccio ai piedi della parete e il recupero dei due alpinisti è stato effettuato dalla REGA (Corriere del Ticino)

Dopo la segnalazione del mancato rientro, sono partite le ricerche, sia sul versante italiano, sia su quello elvetico. Due alpinisti Giovanni Allevi, 48 anni, veterinario di Villa di Serio e originario di Brignano Gera d’Adda, e l’amico Matteo Cornago, 25enne di Sorisole, sono stati ritrovati morti questa mattina 14 settembre in un crepaccio sul versante svizzero del Pizzo Badile (Corriere Bergamo - Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr