Mediaset, accordo 'globale' Vivendi-Fininvest: rinunciano a cause pendenti

Mediaset, accordo 'globale' Vivendi-Fininvest: rinunciano a cause pendenti
Adnkronos ECONOMIA

Vivendi, Fininvest e Mediaset "sono lieti di annunciare di aver raggiunto un accordo globale per mettere fine alle loro controversie rinunciando reciprocamente a tutte le cause e denunce pendenti".

Vivendi rimarrà azionista di Mediaset con la quota residua del 4,61% e sarà libera di mantenerla o venderla

Vivendi avrà il diritto di vendere l'intera quota in qualsiasi momento qualora il prezzo del titolo Mediaset raggiungesse 3,20. (Adnkronos)

Su altre fonti

La battaglia tra i due colossi della Tv era cominciata nel 2016, quando Vivendi aveva acquistato quasi il 30% delle azioni di Mediaset. Secondo l’accordo Simon venderà tutte le sue azioni, Vivendi invece ne venderà la metà per arrivare a una quota del 4,61%. (Open)

Prima di queste dismissioni, però, Mediaset staccherà un dividendo straordinario di 0,30 euro per azione che permetterà a Bolloré di incassare 100-105 milioni. (Milano Finanza)

È pace fatta tra Mediaset e Vivendi. Lo scrive Andrea Biondi su Il Sole24Ore. In un comunicato diramato nella serata di lunedì, si legge che “Fininvest, Mediaset e Vivendi sono lieti di annunciare di aver raggiunto un accordo globale" (SoldiOnline.it)

***Mediaset: nell'accordo di pace 5 gruppi tv su cui Vivendi non puo' investire - Il Sole 24 ORE

Pace fatta tra Mediaset e Vivendi. Dopo cinque anni di scontri, cause in tribunale e ostilità reciproche, le due società hanno annunciato di aver trovato un’intesa. (Il Fatto Quotidiano)

Pare che i tempi per firmare la tregua siano stati allungati dalle interferenze di un altro importante studio legale. Quanto alla governance, finché Vivendi resterà un socio di minoranza potrà partecipare, ma non lo farà in modo ostile. (la Repubblica)

Dall'elenco delle societa' off-limits per Vivendi e' esclusa la francese M6 per la quale c'e' una procedura di vendita relativa al 49% nelle mani di Rtl e per la quale sono attese le offerte nel corso della prossima settimana: il contratto di ieri non chiama in causa il dossier M6 su cui sia Vivendi sia Mediaset potranno agire liberamente. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr