Green pass, Confindustria è chiara. Fenni: "Il vaccino è gratis e sicuro, nessuno vuole lasciare un lavoratore a casa"

Green pass, Confindustria è chiara. Fenni: Il vaccino è gratis e sicuro, nessuno vuole lasciare un lavoratore a casa
Laprovinciadifermo.com INTERNO

Confindustria Centro Adriatico, per voce del presidente Valentino Fenni, non ha dubbi: “Siamo favorevoli e le aziende si sono organizzate.

– Avanti tutta con il green pass, obbligatorio per i lavoratori dal 15 ottobre.

Il green pass, del resto, è solo un altro tassello di un impianto di sicurezza che da oltre un anno è attivo dentro le aziende.

Il datore che non controlla rischia da 400 a 1000 euro, il lavoratore che accede al lavoro senza green pass rischia fino a 1500 euro di multa

Muovendoci insieme, imprese e lavoratori, Stato ed enti locali, ci lasceremo questa pandemia alle spalle” conclude Fenni. (Laprovinciadifermo.com)

Ne parlano anche altre fonti

Il datore che non controlla rischia da 400 a 1000 euro, il lavoratore che accede al lavoro senza green pass rischia fino a 1500 euro di multa. Il green pass, del resto, è solo un altro tassello di un impianto di sicurezza che da oltre un anno è attivo dentro le aziende. (Vivere Fermo)

Possibile"/ "Dipende da come va con Green pass a lavoro" Barbara Fiammeri/ “Green pass chiesto a badante di mamma da 2 mesi se no la cambio”. NO GREEN PASS, QUALI LAVORATORI RISCHIANO. In merito alla circolare interna sulle specifiche del Green Pass, Confindustria conferma «Credo anche che in alcuni casi possano esserci gli estremi per provvedimenti disciplinari importanti. (Il Sussidiario.net)

“Anche chi lavora da casa debba avere il certificato”, dice ancora l’imprenditore: e mentre sulle verifiche del Green pass in azienda “il nostro suggerimento è controllare tutti”, Stirpe non esclude la possibilità per le aziende di chiedere un risarcimento danni al dipendente che ha causato una perdita all’azienda per la mancanza del green pass: “È così. (Livesicilia.it)

La circolare di Confindustria: i lavoratori senza Green pass a rischio risarcimento danni

Schiavoni spera che la percentuale di lavoratori residua "decida di vaccinarsi" o quanto meno di sottoporsi al tampone per avere il Green pass, "perché mandare a casa delle persone non fa piacere". Sul fronte aziendale prevede maggiori difficoltà per le Pmi, "che hanno meno personale e quindi hanno figure multifunzione. (Picchio News)

Ecco il parere di Claudio Schiavoni, presidente degli industriali marchigiani. ANCONA – A tre giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass nei luoghi di lavoro il presidente degli industriali marchigiani, Claudio Schiavoni, non esclude qualche “assestamento” legato alle nuove regole. (Centropagina)

I lavoratori che saranno assenti ingiustificati resteranno sì a casa senza stipendio ma non potranno essere sanzionati. Penso per esempio al caso di un dipendente che entri in azienda con un green pass falso, generando poi un contagio tra i lavoratori». (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr