Cartabia non ascolta le preoccupazioni dei pm: “Per mafia e terrorismo la riforma non vale”

Cartabia non ascolta le preoccupazioni dei pm: “Per mafia e terrorismo la riforma non vale”
Altri dettagli:
Il Fatto Quotidiano INTERNO

La norma transitoria prevede che l’improcedibilità si applichi solo ai processi per reati commessi dopo il 1° gennaio 2020

“Spesso in questi giorni si è detto che i processi di mafia e terrorismo andranno in fumo.

Nel primo caso, infatti, il processo d’Appello (bis) ha occupato 3 anni e 7 mesi, nel secondo ben 5 anni.

Anche la tesi per cui “spesso” nei reati per mafia siano contestati reati puniti con l’ergastolo (ad esempio omicidio doloso o strage) è discutibile. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altre testate

Non è così, perché i procedimenti puniti con l'ergastolo non sono soggetti ai termini dell'improcedibilità. "Spesso si è detto in questi giorni che i processi di mafia e terrorismo andranno in fumo. (Adnkronos)

Giustizia, Conte da Draghi ma il M5S non strapperà: la strategia dei pentastellati. . Nel frattempo si lavora a mini ritocchi. «Siamo pronti a lavorare, con serenità, in commissione per trovare un punto d'incontro», sostiene Antonio Satta, capogruppo grillino in commissione Giustizia. (ilmessaggero.it)

E a proposito della riforma della Giustizia, parole e fatti non combaciano. Ci sono le parole, ci sono i fatti. (Il Fatto Quotidiano)

Giustizia, Cartabia: "I processi di mafia e terrorismo non andranno in fumo"

La maggior parte arrivano da M5s che ne ha presentati 917. (askanews) - Sono 1.631 i subemendamenti ai 26 emendamenti presentati dal governo alla riforma del processo penale in commissione Giustizia alla Camera. (Tiscali.it)

Il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, sarà oggi a Napoli: prima un incontro con i vertici della Corte d'Appello e della Procura nella cittadella giudiziaria del Centro direzionale, poi una lectio magistralis all'università Federico II e, infine, tappa al Tribunale di Aversa. (ilmattino.it)

Così la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, replica al procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, che aveva lanciato l'allarme legato alla riforma (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr