G20, l’accordo sull’ambiente. Ma oggi sarà scontro su clima ed emissioni

Il Sole 24 ORE INTERNO

I ministri riuniti a Napoli per il G20 hanno approvato ieri il Comunicato sull'Ambiente, l'argomento clou della prima giornata del vertice che riunisce le 20 economie più ricche del pianeta.

Ora si tratta di lavorare sul secondo, quello che si annuncia ancora più ostico.

Oggi sarà la volta di cercare una sintesi sul tema in agenda per la giornata numero due del summit: il clima e le misure di contrasto al riscaldamento globale. (Il Sole 24 ORE)

Se ne è parlato anche su altri giornali

È stato raggiunto l'accordo sul documento finale su energia e clima del G20 Ambiente in corso a Napoli. Lo ha annunciato Cingolani in conferenza stampa al termine del G20 Ambiente di Napoli. (La Repubblica)

D’altro canto però, ha ammesso apertamente, «altri Paesi del G20 sono un po’ restii» rispetto all’urgenza È stata una negoziazione «particolarmente complessa - ha detto - durata due notti e due giorni, con i team che lavorano sulle linee guida. (Il Sole 24 ORE)

I Paesi del G20 concordano nell’aumentare gli aiuti ai Paesi in via di sviluppo affinché nessuno resti indietro Non è bastata una negoziazione complessa durata 2 notti e 2 giorni nella quale, va detto, la presidenza italiana si è spesa molto. (Il Fatto Quotidiano)

"Tutti sono impegnati per la decarbonizzazione, il problema è sulla scala dei tempi", ha aggiunto il titolare della Transizione ecologica sottolineando che alcuni Paesi si oppongono a un'accelerazione. (Sky Tg24 )

«Sono contento per il risultato raggiunto, dopo due giorni e due notti di negoziazioni estenuanti». Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (ilmattino.it)

Al G20 sull’Ambiente di Napoli le autorità politiche raggiungono l’accordo finale sul documento sul clima, l’energia e il contrasto al cambiamento climatico. Una firma importante ma mozzata su due punti cruciali: l’eliminazione del carbone come fonte di energia entro il 2025 e la soglia di 1,5 gradi di riscaldamento entro i prossimi dieci anni. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr