Dal meeting della BCE emerge una linea “aggressivamente” accomodante « LMF Lamiafinanza

lamiafinanza ECONOMIA

Tuttavia ora l’Eurotower tollererà anche un’inflazione superiore all’obiettivo del 2%: questa tolleranza è l’esito di una valutazione e non il risultato di una formula matematica.

Nelle prossime riunioni potrebbe aprirsi un vivace dibattito

La BCE è chiaramente schierata fra le “colombe” rispetto alle altre banche centrali, e in particolare rispetto alla Fed che ha iniziato a discutere le modalità future di una stretta della policy. (lamiafinanza)

Su altri media

Lo ha fatto per sottolineare il suo impegno a mantenere un orientamento di politica monetaria costantemente accomodante per raggiungere il suo obiettivo di inflazione”. “La nostra politica monetaria non ha l’obiettivo di tenere bassi i tassi di interesse per il periodo di tempo più lungo possibile, ma per centrare il target di inflazione del 2%”. (Finanzaonline.com)

05/2007 del 18/09/2007Iscrizione al ROC n. 22904. La riproduzione di articoli, foto e video contrassegnati da è vietata con qualsiasi mezzo analogico o digitale, se non autorizzata senza il consenso scritto dell’editore. (TuttOggi)

Per questo il consiglio dei governatori della BCE non intende muoversi verso un rialzo del tassi prima di avere visto l'inflazione stabilmente attestata al 2% del PIL. E' essenziale perchè il rimbalzo attuale si trasformi in una espansione durevole e per compensare l'impatto negativo della pandemia sull'inflazione", ha spiegato Lagarde (RSI.ch Informazione)

Almeno, stando proprio al risentito appunto di Christine Lagarde. Ma i cosiddetti falchi hanno completamente eliminato dal tavolo della discussione proprio l’annuncio relativo al processo di morphing del programma anti-pandemico. (Money.it)

Ma l’alto numero dei contagi da covid19 e il rischio di aumento nella diffusione delle nuove varianti resta una concreta minaccia. Nuovi picchi di contagi mettono a rischio i benefici della recente riapertura estiva delle economie dei 27 e le prospettive di crescita del PIL dell’Eurozona. (The Italian Times)

“La riunione della BCE di ieri non ha deluso coloro che cercavano un tono accomodante, in particolare dopo il recente risultato della Strategy Review della Banca Centrale”. In tale contesto la banca centrale continuerà a sostenere la ripresa anche dopo la scadenza del programma PEPP a marzo” (Bluerating.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr