Meteo, da venerdì 23 al via una nuova ondata di caldo

Meteo, da venerdì 23 al via una nuova ondata di caldo
Più informazioni:
METEO.IT INTERNO

La massa di aria rovente darà il via ad una nuova ondata di caldo che coinvolgerà soprattutto le regioni del Centro-Sud, dove sono attese temperature elevate, con picchi di nuovo tra i 35 e i 40 gradi.

Qualche rovescio o temporale potrà interessare i settori prealpini del Veneto e quelli alpini orientali, mentre qualche pioggia potrebbe cadere sui rilievi del Piemonte.

Qualche nuvola, invece, sarà presente sulle Alpi, sul Piemonte occidentale, sulle Prealpi orientali e, solo in mattinata, sulla Calabria tirrenica. (METEO.IT)

Se ne è parlato anche su altre testate

Meteo, arriva un grande carico di bel tempo e calore in Italia dopo il maltempo degli ultimi giorni. LEGGI ANCHE –> Buono Amazon da 100 euro in regalo: come fare per averlo. Il meteo oggi in Campania. Il meteo di oggi in Campania (Vesuvius.it)

Con il passare dei giorni, l'alta pressione sull'Italia potrebbe lentamente sgonfiarsi ed il flusso perturbato atlantico abbassarsi di latitudine. Nei prossimi giorni vedremo se smentire o confermare il tutto, per adesso continuate a seguirci (MeteoLive.it)

Stando alle previsioni meteo agosto 2021 sarà diviso a metà. Quest’alternanza durerà almeno fino alla metà del mese, quando l’Anticiclone Africano dovrebbe ritirarsi. (ViaggiNews.com)

Meteo Italia. La tendenza tra fine luglio fino a ridosso del FERRAGOSTO

Da mercoledì 21 l’alta pressione dell’Anticiclone Nord-africano consoliderà la sua presenza sul Mediterraneo Occidentale ed estenderà gradualmente la sua influenza anche all’Italia, garantendo così nel nostro Paese prevalenza di condizioni meteo soleggiate e con temperature in crescita. (METEO.IT)

Nei prossimi giorni la graduale espansione dell’Anticiclone Nord-Africano sul Mediterraneo Occidentale garantirà prevalenza di tempo bello e temperature in aumento, con valori superiori alla media dappertutto e un caldo più intenso al Centro-Sud. (METEO.IT)

Il geopotenziale risulta più alto della media sulla Scandinavia e sul Nord Atlantica secondo un regime di blocco Allo scadere del periodo l'abbassamento del flusso perturbato atlantico determina un aumento della instabilità al Nord specie sui settori alpini e prealpini. (3bmeteo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr