Covid, la previsione sulla terza ondata: a metà marzo 25.000 contagi al giorno

Covid, la previsione sulla terza ondata: a metà marzo 25.000 contagi al giorno
Money.it INTERNO

E in tal caso, sempre secondo le previsioni del CTS, mantenendo le attuali restrizioni si arriverà a metà marzo registrando circa 25.000 casi giornalieri

Anche perché gli esperti sono convinti che con questo ritmo di diffusione la variante inglese del Sars-Cov-2 sarà a breve dominante.

Tuttavia, quanto sta succedendo nelle Province dove la variante inglese è sempre più diffusa - vedi quello che sta succedendo a Perugia, Chieti e Pescara - conferma che la variante inglese è molto più contagiosa rispetto a quella originaria. (Money.it)

Ne parlano anche altre fonti

Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui . Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie (Merate Online)

Coronavirus in Italia, il bollettino di lunedì 22 febbraio del Ministero della Salute: i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 9.630 su 170.672 tamponi (ieri erano stati 13.452 su 250.986 tamponi). (Leggo.it)

In decisa decrescita anche i ricoveri ospedalieri. DOCUMENTO (3 PAGINE) In provincia la colorazione della cartina contagi non è preoccupante, unico caso limite a Presenaio, con più casi Santo Stefano, Pieve di Cadore, Borca di Cadore, Voltago e Gosaldo nell’Agordino, Soverzene. (Radio Più)

Covid: Gimbe, con variante inglese ci sarà incremento casi

Piemonte. Casi di variante inglese sono stati individuati anche in Piemonte, che si trova al momento in zona gialla. La zona al momento più colpita dalla variante inglese è il Verbano-Cusio-Ossola, in particolare il Comune di Re che è entrato in zona rossa sabato. (Fanpage.it)

La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 9,1%. Le persone complessivamente guarite sono 914 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 199.647. (La Repubblica)

Ad affermarlo ai microfoni di Radio Cusano Campus e’ Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Quello che abbiamo vissuto nei mesi passati e’ stato sempre frutto di una mancata programmazione nel medio periodo. (il Fatto Nisseno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr