Ue, Eurostat: Inflazione eurozona accelera al 2,2% a luglio

LaPresse ECONOMIA

Bruxelles, 30 lug.

(LaPresse) – L’inflazione annuale dell’area dell’euro si attesta al 2,2% a luglio 2021, in aumento rispetto all’1,9% di giugno secondo la stima flash di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione europea

(LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

Una crescita sopra le attese, accelerata dal ritorno in zona bianca dell’Italia e dalle riaperture delle attività economiche, come attesta la performance positiva del settore servizi. Anche dal turismo, dopo due mesi sotto tono, arrivano segnali incoraggianti per il periodo di agosto. (AGIMEG)

La spinta sembra proseguire anche nel trimestre estivo, come suggerisce il rafforzamento di luglio dell’indice di fiducia di consumatori ed imprese. Un clima positivo e di miglioramento generale delle prospettive, dunque, su cui però pesano dubbi ed incertezze legate all’andamento della situazione sanitaria (ilMetropolitano.it)

Secondo la lettura preliminare diffusa oggi dall’Istat, il Prodotto interno lordo (Pil) nel periodo aprile-giugno è aumentato del 2,7% rispetto al trimestre precedente, superando ampiamente le aspettative, e del 17,3% in termini tendenziali (ossia rispetto al secondo trimestre del 2020, caratterizzato dal primo lockdown). (Wall Street Italia)

Forte recupero servizi, cresce anche industria. “Dopo un primo trimestre del 2021 in lieve recupero, nel secondo trimestre dell’anno l’economia italiana ha registrato una crescita molto sostenuta. (Il Sole 24 ORE)

Inferiore anche il dato della Francia, dove il Pil è salito dello 0,9% contro la crescita zero dei primi tre mesi dell’anno. Secondo i dati preliminari diffusi dall’Istat, rispetto ai primi mesi dell’anno, il Pil italiano è infatti cresciuto del 2,7% e potrebbe arrivare anche a +5% durante l’anno. (Il Quotidiano Italiano - Nazionale)

La Germania in questo modo scongiura la recessione dopo la battuta d’arresto di inizio d’anno dovuto alla pandemia. Germania. Positivo anche il Pil tedesco che cresce dell’1,5% rispetto al trimestre precedente. (quoted business)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr