La fame nel mondo aumenta anziché diminuire | S. Diao e M. Taddei

Lavoce.info INTERNO

L’obiettivo numero 2 è l’eliminazione della fame nel mondo

La Fao svolge innanzitutto un ruolo fondamentale nel raccogliere dati e mappare le disuguaglianze alimentari nel mondo, cercando poi di appianarle, in particolare attraverso il World Food Programme.

La Figura 2 mostra come l’emergere di queste criticità abbia fatto sì che la fame nel mondo sia cresciuta nel corso del 2020, sia in termini percentuali che assoluti. (Lavoce.info)

Ne parlano anche altre testate

A seguire ci sarà una lectio magistralis di Klaus Schwab, direttore esecutivo del Forum economico mondiale (World Economic Forum). 15 e 16 ottobre, il programma della Giornata mondiale dell’alimentazione 2021. (Osservatorio Diritti)

Secondo un rapporto dell’NDMA con la prossima stagione delle piogge di ottobre-dicembre, prevista al di sotto del normale, la situazione potrebbe solo peggiorare. L’imprevedibilità delle condizioni meteorologiche sta rendendo difficile anche il lavoro delle organizzazioni umanitarie che non sanno programmare gli interventi. (LaPresse)

16 ottobre Giornata Mondiale Alimentazione: dalle sfide della pandemia alla trasformazione agroalimentare Messaggi dal presidente Mattarella, da Papa Francesco, dal segretario dell'Onu per la giornata che ricorda la nascita della Fao per combattere la fame nel mondo. (Rai News)

Quest’anno la Giornata mondiale dell’alimentazione 2021 non può che riallacciarsi al vertice ONU sui sistemi alimentari (Food Systems Summit), tenutosi lo scorso settembre. Serve un nuovo slancio sui sistemi agroalimentari. (Rinnovabili)

Giornata mondiale dell’alimentazione: cos’è. La Giornata mondiale dell’alimentazione è una ricorrenza che si celebra ogni anno il 16 ottobre, data in cui, nel 1945, fu fondata la FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. (DOVE Viaggi)

L’accesso al cibo e all’acqua è una preoccupazione urgente sia per l’uomo che per il bestiame a causa del progressivo impatto del cambiamento climatico. L’imprevedibilità delle condizioni meteorologiche sta rendendo difficile anche il lavoro delle organizzazioni umanitarie che non sanno programmare gli interventi. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr