BCE: tassi fermi, stime al rialzo, Lagarde frena ma sosterrà i settori deboli

BCE: tassi fermi, stime al rialzo, Lagarde frena ma sosterrà i settori deboli
Proiezioni di Borsa ECONOMIA

La Bce avvia la ‘fase 2’. BCE: tassi fermi, stime al rialzo, Lagarde frena ma sosterrà i settori deboli.

Tassi fermi ma aiuti in calo e mirati. Il tasso di interesse principale rimane a zero, il tasso sui depositi a -0,50% e il tasso sui prestiti marginali a 0,25%.

La Banca centrale europea ieri ci ha dato una mano, lasciando fermi i tassi di interesse.

La Presidente BCE Christine Lagarde ha appoggiato la linea tracciata da Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, che caldeggiava una exit strategy graduale. (Proiezioni di Borsa)

La notizia riportata su altre testate

Secondo l’ultima stima della banca centrale, il carovita sarà probabilmente del 2,2% quest’anno (previsione di giugno: 1,9%). È questo in sintesi quanto emerso dal Consiglio direttivo di ieri della banca centrale europea, guidata da Christine Lagarde (Corriere del Ticino)

Si rallenta, ma senza mettere le quattro frecce e minacciare di fermarsi. “Le decisioni illustrate sono state prese all’unanimità – ha spiegato – e mi dispiace per tutti coloro che amano contrapporre falchi e colombe”. (Lo Speciale)

Infine ha confermato a 20 miliardi di euro al mese il ritmo degli acquisti di titoli con il programma App, preesistente alla crisi Intanto, facendo ricorso alle sue abilità comunicative, la presidente Christine Lagarde ha respinto l'idea che si tratti di «tapering», ossia il processo di graduale riduzione dello stimolo monetario. (DiariodelWeb.it)

La Bce riduce il bazooka, ma rassicura i mercati: Lagarde sparge ottimismo e cala lo spread

Non sono stati discussi, ha poi precisato, i passi successivi, che saranno probabilmente esaminati insieme a tutta la strategia di politica monetaria nella riunione del 16 dicembre. La Bce, ha aggiunto, è fiduciosa nel fatto che le condizioni di finanziamento resteranno a livelli appropriati anche con i nuovi ritmi. (Il Sole 24 ORE)

Alle 14.30 il governatore della Banca centrale europea Christine Lagarde, infatti, ha confermato lo status quo sui tassi di interesse. Ma allo stato attuale, quali sono gli scenari che si aprono dopo il giorno della BCE e quali investimenti mantenere? (Proiezioni di Borsa)

L’economia Ue dovrebbe tornare ai livelli pre-Covid entro la fine dell’anno, in anticipo sulle precedenti previsioni che la collocavano nel 2022. “In sintesi - ha concluso Lagarde - l’economia dell’eurozona registra un evidente recupero, sebbene il ritmo della ripresa continui a dipendere dall’andamento della pandemia e dai progressi nelle vaccinazioni” (EuropaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr