Ennio Doris lascia la presidenza di Banca Mediolanum

Advisoronline ECONOMIA

Ennio Doris detiene complessivi 46.693.070 diritti di voto, pari al 6,29% dei diritti di voto, di cui 23.563.070 inerenti ad azioni della Banca in piena proprietà e 23.130.000 in qualità di usufruttuario, tutti sindacati nel patto parasociale in essere tra i componenti della famiglia Doris.

Così il fondatore dell’istituto ha voluto commentare la scelta: "Superando la soglia degli 80 anni penso sia venuto il momento di ridurre almeno in parte il mio impegno quotidiano nella banca”. (Advisoronline)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Così Ennio Doris in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, in cui commenta anche la decisione di dimettersi dalla presidenza di Banca Mediolanum. Per 50 anni l'investimento azionario è stato penalizzato. (Finanza.com)

Il Cda ha preso atto delle dimissioni dalla carica di presidente e amministratore rassegnate, sottolineando come la sua sostituzione sarà oggetto di future deliberazioni. Doris detiene 46.693.070 diritti di voto (pari al 6,29%), di cui 23.563.070 che riguardano azioni della banca in piena proprietà e 23.130.000 come usufruttuario. (We Wealth)

Massimo Antonio Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum «Ho la convinzione di aver cambiato l’approccio degli italiani verso il risparmio. Un’azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. (Corriere della Sera)

Un'azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. Così Ennio Doris in un'intervista rilasciata al Corriere della Sera, in cui commenta anche la decisione di dimettersi dalla presidenza di Banca Mediolanum. (Finanzaonline.com)

Un'azienda delle dimensioni di Banca Mediolanum richiede molte attenzioni. Per 50 anni l'investimento azionario è stato penalizzato. (Finanzaonline.com)

ROMA – Ennio Doris ha rassegnato le dimissioni da presidente di Banca Mediolanum. Ennio Doris ha rassegnato le dimissioni da presidente di Banca Mediolanum. (News Mondo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr