Dieci coltellate per uccidere la ex: Giuseppina inerme contro la furia

Dieci coltellate per uccidere la ex: Giuseppina inerme contro la furia
IL GIORNO INTERNO

Il teatro dei fatti è l’autorimessa della casa di lei, che si era trasferita ad Agnosine da Sabbio Chiese, dove aveva sempre vissuto con la famiglia, agli inizi di agosto.

La vittima si chiamava Giuseppina Di Luca e aveva 46 anni.

A Sabbio Chiese la coppia è stata descritta come di grandi lavoratori, che non sembravano avere problemi particolari

Non è però possibile sapere se Giuseppina non lo avesse denunciato per paura o avesse deciso di andarsene per essere più sicura. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre testate

Nel Bresciano oggi altro femminicidio A quanto si è potuto apprendere, l’omicidio è avvenuto dopo l’ennesima lite intercorsa tra i due; l’uomo avrebbe ucciso la compagna con dieci coltellate, avrebbe poi chiamato i soccorsi ed aspettato il loro arrivo insieme alle forze dell’ordine. (Basilicata24)

L’ha colpita con una decina di […] L’ha raggiunta sulle scale e l’ha colpita più volte con un coltello. (Il Fatto Quotidiano)

Servidio, che da qualche anno era rientrato con la moglie nel paese d'origine dalla Corsica, è stato arrestato Giuseppina si era trasferita lì da poco, insieme alla figlia minore di 21 anni, per cominciare una nuova vita nel paese in cui lavorava. (ilGiornale.it)

Femminicidio in Calabria, donna uccisa dal marito - La Nuova Sardegna

Ad Agnosine, in Valsabbia (provincia di Brescia), è stata uccisa una donna, Giuseppina Di Luca, madre di due figli. Dopo l’omicidio, l’uomo ha deciso di costituirsi ai carabinieri (StrettoWeb)

I Dettagli. Un'altra DONNA uccisa. di 2 FIGLI UCCISA dal MARITO con 10 COLTELLATE. (iLMeteo.it)

Secondo quanto é emerso dalle prime indagini, i rapporti tra Sonia Lattari ed il marito erano tesi da tempo per motivi che sono in corso d'accertamento. Una donna di 43 anni, Sonia Lattari, é stata uccisa al culmine di una lite con alcune coltellate dal marito, Giuseppe Servidio, di 52, che é stato bloccato dai carabinieri. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr