Frode fiscale, la Gdf sequestra 20 milioni di euro Dhl

Frode fiscale, la Gdf sequestra 20 milioni di euro Dhl
Per saperne di più:
La Stampa INTERNO

Nel mirino degli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf è finita la Dhl, la nota multinazionale che opera nel settore settore dei trasporti e della logistica.

Oltre a Dhl, come persona giuridica, sono indagati, sempre per frode fiscale, i due presidenti del consiglio di amministrazione che si sono succeduti negli ultimi anni: Fedele De Vita e Antonio Lombardo

L’accusa è di frode fiscale e il sequestro preventivo d’urgenza ordinato dalla procura di Milano di 20 milioni di euro. (La Stampa)

Su altre testate

Leggi anche: Inoltre, secondo quanto emerso dalle indagini, l’azienda avrebbe omesso «sistematicamente il versamento dell’Iva e, nella maggior parte dei casi, degli oneri di natura previdenziale nei confronti dei lavoratori». (Open)

«L’amministratore delegato Lombardo sapeva tutto perché io gli mandavo per conoscenza a loro», diceva intercettato Claudio Rizzelli, responsabile del Consorzio Ids Stamani, nei confronti della filiale italiana del gruppo e di suoi manager il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza (Gdf) di Milano ha eseguito un sequestro preventivo d’urgenza di oltre 20 milioni di euro per una presunta maxi frode sull’Iva. (Corriere del Ticino)

La sede italiana del colosso tedesco della logistica Dhl , con un giro d’affari su scala internazionale che supera i 55 miliardi di euro, è finita nel mirino della Procura di Milano per una presunta maxi frode fiscale, sull’Iva: attraverso società di intermediazione e «finte» cooperative, sarebbero stati creati «meri serbatoi di manodopera», cioè lavoratori della logistica a cui le società intermediarie, tra l’altro, non versavano in gran parte i contributi. (Corriere della Sera)

Milano, sequestrati 20 milioni di euro a Dhl: niente contributi a lavoratori

La Guardia di Finanza del comando provinciale di Milano ha eseguito un decreto di sequestro preventivo per un controvalore di oltre 20 milioni di euro. Lo scrive la Procura di Milano nel decreto eseguito dalla Gdf che ha sequestrato oltre 20 milioni di euro per una presunta maxi frode sull'Iva. (ilmessaggero.it)

Dunque manodopera che non sarebbe dovuta esistere per Dhl o che comunque non avrebbe dovuto lavorare per la multinazionale a certe condizioni. Un metodo che avrebbe arricchito la grande azienda in modo illecito e che l’avrebbe così messa anche in una posizione di superiorità rispetto ai concorrenti (Today.it)

Dall'inchiesta è emerso che, attraverso società di intermediazione e 'finte' cooperative, sarebbero stati creati "meri serbatoi di manodopera", ossia lavoratori della logistica a cui le società intermediarie, tra l'altro, non versavano in gran parte i contributi. (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr