23 maggio 2020, le iniziative per le scuole per l’anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio

23 maggio 2020, le iniziative per le scuole per l’anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio
La Tecnica della Scuola La Tecnica della Scuola (Interno)

Inoltre, le istituzioni scolastiche, i docenti, gli studenti e le famiglie che desiderino inviare elaborati come video (durata massima 3 minuti), pensieri, poesie, immagini e ogni altro genere di materiale relativo ai temi della giornata, possono inviare i loro contributi l’indirizzo mail: [email protected].

Su altre testate

Ricorre, infatti, il 28° anniversario della Strage di Capaci in cui morirono il Giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Rocco Dicillo, Antonino Montinaro e Vito Schifani (Tp24)

Era il 23 maggio 1992 e le immagini di quel brutale attentato mafioso, nei pressi di Capaci (Palermo), sconvolsero tutta l’Italia. Alle 17.58, invece, è previsto il momento del silenzio sotto l’Albero Falcone e, in contemporanea, dal Giardino di Capaci. (Open)

A pochi giorni del 28esimo anniversario della strage di Capaci si susseguono i momenti di riflessione per ricordare le vittime dell'attentato in cui il 23 maggio 1992 morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro (Il Messaggero)

Al ricordo si unisce il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi: «Giovanni Falcone è presente nella vita di ognuno di noi e la procura generale quest’anno partecipa anche con la pubblicazione sul sito della Procura generale di immagini evocative dei ricordi». (Avvenire)

Prima di arrivare a Palermo la gente invece aveva paura di nominare la parola mafia. Ricordo, una volta un bellissimo concerto di Nicola Piovani in piazza, commovente per quello che rappresentava, e sui balconi non c’ era nessuno. (Famiglia Cristiana)

Donne e uomini che hanno reso straordinario il loro ordinario impegno mostrando un'etica del dovere che richiama uno dei più grandi insegnamenti che ci ha lasciato Giovanni Falcone ”. (OsservatorioOggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti