Funivia Mottarone: Eitan dimesso dall'ospedale torna a casa con la zia

Più informazioni:
Il Giorno INTERNO

Il piccolo è tornato in ambulanza a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia.

Pavia - È stato dimesso questa mattina dal reparto Isola di Margherita dell'ospedale Regina Margherita Eitan, il bambino di 5 anni unico sopravvissuto all'incidente del Mottarone.

All'arrivo in ospedale dopo la tragedia, Eitan era cosciente e impaurito aveva allontanato i dottori.

Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo", fanno sapere nel bollettino medico dall'ospedale torinese. (Il Giorno)

Su altri giornali

Il piccolo è tornato in ambulanza a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia. 1' di lettura. (Il Sole 24 ORE)

Il bimbo di soli 5 anni è l’unico sopravvissuto della tragedia della funivia Stresa-Mottarone in cui hanno perso la vita 14 persone. Tragedia del Mottarone, il piccolo Eitan lascia l’ospedale: accompagnato a casa della zia. (Yeslife)

Una buona notizia per il piccolo, unico sopravvissuto a seguito del crollo di una cabina della funivia avvenuto domenica 23 maggio in cui hanno perso la vita 14 persone, tra cui i suoi genitori, il fratellino e i bisnonni Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo". (TorinoToday)

Tragedia del Mottarone, il piccolo Eitan lascia l’ospedale dopo 19 giorni di ricovero

È bello che sia potuto tornare a casa, dopo quanto è successo". Nelle scorse settimane, una mobilitazione di massa, a partire dalla comunità ebraica milanese, aveva costruito una poderosa iniziativa di sostegno (IL GIORNO)

Questa mattina il bambino è stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di Torino e ha fatto ritorno in ambulanza a casa della zia Quella cabina è diventata una trappola mortale per 14 sui 15 passeggeri che si trovavano a bordo. (ilGiornale.it)

Il provvedimento va al vaglio della Settima Commissione Il piccolo è tornato in ambulanza a casa, a Pavia, accompagnato dalla zia. (RSI.ch Informazione)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr