Le clona la Sim e le ruba 6000 euro dal conto corrente Vittima della truffa informatica

Le clona la Sim e le ruba 6000 euro dal conto corrente Vittima della truffa informatica
Telefriuli ECONOMIA

Un uomo di 42 anni pregiudicato, napoletano, è stato denunciato per truffa informatica dai Carabinieri della Stazione di Fagagna, Stazione comandata dal Maresciallo Francesco Serpi.

Accortasi della sottrazione, la friulana si è rivolta ai militari dell'Arma di Fagagna che hanno avviato le indagini e identificato il responsabile, denunciato in stato di libertà

A finire nel mirino del malvivente una 63enne residente nel Friuli Collinare, derubata di 6.100 euro. (Telefriuli)

Ne parlano anche altre testate

E abbiamo anche suggerito “3 alternative efficaci per chi non vuole tenere i soldi in banca e aprire un conto corrente”. Ecco dunque 5 validi motivi per tenere i soldi in casa invece che sul conto corrente in banca o in posta. (Proiezioni di Borsa)

La dichiarazione di successione. A quel punto gli eredi possono disporre delle somme presenti sul conto con prelievi e pagamenti (Proiezioni di Borsa)

Esistono tuttavia i casi in cui si perde l’eredità dei soldi su un conto corrente cointestato. In un precedente articolo la Redazione ha indicato “Come si divide l’eredità dei soldi sul conto corrente cointestato?”. (Proiezioni di Borsa)

Conto corrente svuotato dopo aver clonato la sim

Perché le banche chiudono i conti correnti sopra i centomila euro. Fineco non è l'unica a fare questa scelta che sembra apparentemente suicida per una banca ma in realtà ha una logica dietro che affonda le radici nell'economia reale. (Today.it)

Andrea Orcel, amministratore delegato di Unicredit, è pronto ad applicare i tassi negativi sui conti correnti dei clienti che hanno un saldo superiore a 100.000 euro. Come proteggersi dai tassi negativi sui conti correnti: le soluzioni possibili. (Proiezioni di Borsa)

Le ha clonato la sim del telefono, accedendo così al suo home banking e sottraendole dal conto corrente la somma di 6 mila e 100 euro. I fatti si sono verificati lo scorso mese di febbraio. (UdineToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr