Lavoro, istruzione, gaming: il Covid-19 ha accelerato la trasformazione digital

Lavoro, istruzione, gaming: il Covid-19 ha accelerato la trasformazione digital
Tarantini Time ESTERI

Sembrava scontato e invece non lo era, soprattutto in quei contesti dove i luoghi fisici continuavano ad essere preferiti al mondo digital.

Uno di questi riguarda il mondo digitale, che ormai è il perno centrale di questa nuova realtà.

Se è vero come è vero che il Covid-19 ha ridimensionato una realtà frenetica che sembrava immutabile, è altrettanto vero che la pandemia ha accelerato una serie di processi che era impossibile far attendere oltre. (Tarantini Time)

Su altri media

Porre fine questa grave violazione dei diritti”. “Occorre uno sforzo corale di tutta la società e delle sue istituzioni, per porre fine a questa grave violazione dei diritti dell’infanzia e rendere effettivamente vigente il diritto dei bambini a un avvenire da loro liberamente scelto”. (Toscanaoggi.it)

Di questi, circa la metà hanno un’età compresa tra i 5 e gli 11 anni. Nel documento si osserva come già prima della comparsa del virus, all’inizio del 2020, i minori impiegati a livello internazionale fossero 160 milioni, con un incremento di 8,4 milioni negli ultimi quattro anni. (Money.it)

Il CNDDU, in occasione del 2021 definito come l’Anno internazionale per l’eliminazione del lavoro minorile che terminerà alla quinta edizione della Conferenza Globale sul Lavoro Minorile (5th Global Conference on Child Labour) da tenersi in Sudafrica nel 2022, propone a tutti gli studenti di ogni ordine e grado la realizzazione del progetto didattico “Una musica, una poesia, un racconto …. (Orizzonte Scuola)

Sfruttamento del lavoro minorile: 160 milioni di bambini. Quei piccoli incontrati nelle miniere di mica | VIDEO

Nel settore agricolo è impiegato circa il 70% dei bambini costretti nel lavoro minorile (112 milioni) seguito dal 20% in servizi (31,4 milioni) e 10% nelle fabbriche (16,5 milioni). La diffusione del lavoro minorile nelle aree rurali (14%) è circa di 3 volte più alta rispetto alle aree urbane (5%). (La Repubblica)

Ma aumenta anche il rischio di matrimoni precoci (+2,5 milioni nei prossimi 5 anni) e gravidanze (+1 milione nel 2020) per bambine e ragazze. I ministri dell’istruzione devono definire delle roadmap chiare affinché tutti i bambini rientrino a scuola in sicurezza quando sarà il momento e migliorino la propria istruzione. (Toscanaoggi.it)

“Stiamo perdendo terreno nella lotta contro il lavoro minorile” sostiene la Direttrice generale dell’Unicef Henrietta Fore Il report evidenzia come al momento non siamo sulla strada giusta per l’obiettivo di eliminare il lavoro minorile entro il 2025. (LE IENE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr